Basket C Reg – FORMIA, ESPUGNATA SERMONETA, DA ORA CI SI GIOCA TUTTO!

11102623_552739131535110_2772584014924568708_nSi conclude nel migliore dei modi la regular season del Meta Formia Basketball, che espugna il parquet del Basket Sermoneta bissando il successo dell’andata. Sfida senza particolari pressioni di classifica, con la capolista già certa del primo posto e i padroni di casa già matematicamente retrocessi per via diretta nella categoria inferiore.

Basket C Reg – META FORMIA, SERMONETA ULTIMA TAPPA PRIMA DI GIOCARSI LA PROMOZIONE!

Meta FormiaCi siamo, l’ultima giornata della regular season è alle porte e per il Meta Formia è un impegno senza pressioni di classifica. Avversario di turno il Basket Sermoneta, senza obiettivi per il motivo opposto ai formiani. Infatti, la selezione ultima in classifica è già matematicamente retrocessa nella categoria inferiore e punta a chiudere onorevolmente una stagione da 4 punti totali.

Sabaudia: Di nuovo in campo l’Associazione “Liberi per Volare”

bambini Liberi per Volare (2)Venerdì 20 marzo sono di nuovo scesi in campo i genitori dell’Associazione “Liberi per Volare”, sodalizio che sta diventando sempre più attiva e presente sul territorio di Sabaudia. Questa volta dopo il bel lavoro svolto nei giorni 13 e 14 marzo presso il giardino antistante, la scuola dell’infanzia dell’Istituto Comprensivo “Cancelli”, dove ricordiamo che è stato pulito (bonificato) il giardino e sono stati tinteggiati i giochi che a causa dei fattori atmosferici erano deteriorati, e ricordiamo anche che hanno partecipato alla bella iniziativa le famiglie dell’associazione con i loro figli e tutti quelli che hanno voluto donare il loro tempo, hanno donato delle piantine di margherita che i bambini delle dieci sezioni del plesso dell’infanzia si sono apprestati a piantare dando una nota di colore all’aiuola antistante una delle entrate del plesso. Nota di colore che ha rallegrato molto i bambini che si sono divertiti a piantare e ad innaffiare le margheritine a turno, ma soprattutto che si sono presi l’impegno di curarle e farle crescere belle, forti e rigogliose proprio come dovranno crescere i nostri figli. Entusiaste del bel intervento anche le insegnanti si sono congratulate con i genitori ringraziandoli pubblicamente e affermando che erano anni che il giardino non era così ben pulito. Hanno partecipato all’evento, si sono complimentati ed hanno ringraziato i genitori di “Liberi per Volare” per aver ideato e realizzato questo bel progetto anche il sindaco Maurizio Lucci, l’Assessore alle Politiche Scolastiche Felice Pagliaroli e il Capo Settore della Pubblica Istruzione Fabio Minotti. L’Associazione, nella persona della presidente Sheila Cardinali, ha fissato appuntamento a partecipare numerosi al prossimo evento che ci promette, senza anticiparci nulla, che sarà di forte impatto per le famiglie e i giovani di Sabaudia.bambini Liberi per Volare (3)

Anzio: Concerto di Primavera al Chris Cappell College, 27/3/15

foto Chris Cappell CollegeVenerdì 27 marzo, alle ore 17:30, sarà presentato nell’Aula Magna del Chris Cappell College il “Concerto di Primavera”, entrato ormai nella tradizione del liceo in occasione delle Festività Pasquali. Quest’anno lo spettacolo è ispirato a Giacomo Leopardi, ma vuole essere anche un omaggio al suo appassionato cultore Christian Cappelluti che ha sempre considerato il poeta un genio indiscusso. Tra parole e musica, saranno recitati dai ragazzi del liceo classico brani tratti dalle “Operette Morali”, capolavoro entusiasmante e fonte inesauribile di spunti sui temi cari a Leopardi. La parte orchestrale sarà offerta dai giovani talenti del liceo musicale con l’esecuzione di brani di compositori di ieri e d’oggi: Un evento dunque importante che coniuga letteratura e musica per un connubio vincente, creando spazi di riflessione su temi di grande attualità. Chris Cappell College – Viale Antium, 5 – Anzio.

Operazione “Sacchetto selvaggio” ad Acerra

IMG_6946E’ iniziata lunedì 23 marzo un’operazione straordinaria per la pulizia delle rampe di accesso dell’autostrada e superstrada, pertinenti il territorio cittadino di Acerra, dai sacchetti selvaggi abbandonati illegalmente. Uomini della Polizia municipale, operatori del servizio igiene e nettezza urbana, insieme agli operatori ecologici hanno anche aperto i sacchetti illegalmente sversati, e visionato numerosi documenti contenuti all’interno, per rintracciare le generalità dei trasgressori da multare. Sono state oggetto dell’operazione avviata oggi, le rampe dell’asse in direzione Pomigliano d’Arco e Casalnuovo, in diversi punti della città, comprese le rampe nelle vicinanze del centro commerciale. In totale, stando ad una prima stima, sono stati raccolti circa 70 quintali di rifiuti solidi urbani illegalmente sversati; numerose le multe che saranno elevate ai trasgressori rintracciati con l’intento di contrastare e definitivamente abbattere l’annosa pratica illegale del sacchetto selvaggio. Presente sulle rampe durante le operazioni di pulizia anche il Sindaco di Acerra che ha ribadito ai cittadini la necessità di denunciare: «Abbiamo il dovere di difendere il diritto dei nostri concittadini ad una città vivibile e pulita, come di rispettare chi osserva in maniera rigorosa la raccolta differenziata nella nostra città. Non è possibile che ci siano ancora incivili e criminali che agiscono contro le regole del vivere civile e per questo dico che occorre denunciare, denunciare anche quando si vedono auto passare dalle quali qualcuno lancia i sacchetti. Bisogna aiutare tutte le Forze dell’Ordine che ci salvaguardano. Gli strumenti ci sono e c’è anche un numero verde del comando vigili (800585912), da poter utilizzare anche in forma anonima. L’operazione di pulizia straordinaria e denuncia di tutti i trasgressori, continuerà anche nei prossimi giorni a protezione dell’ambiente e a prevenzione d’eventuali roghi.

San Felice a Cancello: giornata dedicata alla prevenzione delle malattie prostatiche

prostataSabato 21 marzo a San Felice a Cancello, presso i locali Avis, si è tenuta una giornata dedicata alla prevenzione delle malattie prostatiche. L’appuntamento, organizzato dalla Commissione Pari opportunità, presieduta dalla dott.sa Agostina Cioffi, in collaborazione con l’Associazione Medici Valle di Suessola, retta dal dott. Angelo Cioffi, ha visto sottoporsi uomini over 35 a una visita gratuita prostatica ad opera del dott. Fabrizio Crisci, primo step per la prevenzione delle malattie alla prostata. Anche questo ciclo di visite gratuite è tra quelli che rientrano in un ciclo d’appuntamenti, organizzati periodicamente dalla CPO di San Felice a Cancello, che hanno come obiettivo la sensibilizzazione sull’importanza della prevenzione nelle malattie oncologiche. “ E’ noto che per guarire da qualsiasi tipo di malattia importante, è la prevenzione- afferma la Presidente CPO Cioffi, per questo, come Commissione, ma soprattutto come facente parte dell’amministrazione promuoviamo continuamente controlli periodici, resi possibili grazie a medici specialistici che mettono a disposizione gratuitamente il loro tempo”.

Centrali a biomasse a Sabaudia

biomassaCittadini al Lavoro sempre in prima linea in favore del territorio di Sabaudia e della sua tutela. Il consigliere Giada Gervasi torna sul problema delle centrali a biomasse e ha chiesto la convocazione della Commissione Urbanistica, al fine di studiare e redigere un piano “centrali a biomasse” per l’intero territorio comunale: Una richiesta inoltrata già lo scorso anno ma alla quale non è mai stato dato seguito. “Il 6 luglio 2014 chiedevo l’elaborazione di un cosiddetto “piano per le antenne” ed uno per le centrali a biomasse. Giovedì 19 marzo 2015, finalmente, si è tenuta la Commissione Lavori Pubblici, di cui io sono parte, che ha dato indirizzo agli Uffici competenti per predisporre un piano-antenne anche al fine di garantire la copertura del territorio (importante ai fini di salute e sicurezza), evitare il sovrapporsi di campi elettromagnetici, favorire la sostituzione delle vecchie antenne con impianti più raffinati ed a minore impatto ambientale, favorire che le antenne siano posizionate su edifici pubblici (no scuole) per incrementare entrate nelle casse comunali che potrebbero essere destinate alla rimozione del cemento amianto o ad altre attività a beneficio dell’ambiente, salute pubblica e della collettività. E’ un primo passo, ma incombe ed è urgente la convocazione di una Commissione Urbanistica sul tema, importante e di grande attualità, delle centrali a biomasse. La regolamentazione sul territorio comunale è un atto necessario, alla luce soprattutto delle richieste che hanno già interessato e stanno interessando il territorio del Comune di Sabaudia”. Con questa nuova richiesta, Cittadini al Lavoro presenta all’amministrazione comunale una nuova chiamata alle responsabilità.

Anzio sprofonda, tra proroghe preoccupanti, prefettura e anti-corruzione

Marco Maranesi

Marco Maranesi

Purtroppo ero ai piedi del letto del sindaco Bruschini, in ospedale a Roma per un delicato intervento chirurgico, quando è arrivata la telefonata della Giunta che, per evitare che l’Assessore Placidi aprisse la crisi politica, annunciavano l’esigenza di diffondere un documento di “critica” e “censura” contro l’Assessore Cafà colpevole di essersi recata in Prefettura per fare il suo “dovere di Assessore” e per dare risposte alla cittadinanza rispetto al vociferato insediamento di un campo rom ad Anzio. Poi quel documento lo hanno diffuso sul serio e credo che la migliore risposta la stanno dando i cittadini ed i mezzi di comunicazione che hanno giustamente criticato un atto che non ha precedenti nel nostro Comune: Questo sì che è un atto che mette in discussione l’autonomia del Sindaco che, per legge, è l’unico a conferire incarichi oppure a poter revocare un Assessore. Sono state fatte interminabili riunioni a Villa Sarsina, a Villa Adele e nelle sedi dei partiti, non per parlare dei gravi fatti che stanno accadendo ad Anzio, ma per sfiduciare, censurare, ridimensionare un Assessore e qualche sua collaboratrice dei servizi sociali, per il troppo lavoro che stanno facendo a vantaggio della Città. Vergogna dico io ed invito il sindaco Bruschini, quando rientrerà, a prendere pubblicamente le distanze da quel documento ed a far valere la sua carica. All’Assessore Placidi dico: aprila questa crisi, stiamo tutti tremando dalla paura per le nuove elezioni che, a mio parere, spazzeranno via una classe politica che, ormai, da quasi mezzo secolo fa progetti nelle segrete stanze ed ha ancora la presunzione di credere che i cittadini sono tutti idioti e sono tutti pronti a sostenere un progetto che non oso neanche immaginare su cosa è fondato. Da Placidi e dall’ing. Dell’Accio vorrei sapere perché la gara dei rifiuti è in proroga da quasi due anni ad oltre un milione d’euro al mese, sulle spalle dei cittadini di Anzio e come mai tutto questo tempo per indire ed espletare una gara che mi risulta essere la più lunga mai vista nel nostro Comune? Cosa hanno dovuto aspettare tutto questo tempo? La nota della Prefettura è di febbraio 2015, ma il vecchio appalto è scaduto, se non erro, ad agosto 2013. Sbaglio ingegnere? All’ing. Dell’Accio vorrei chiedere come mai accetta un incarico illegittimo per dirigere il settore della Santaniello che lui, per legge, non può dirigere? Ed al Sindaco perché lo ha conferito a lui e perché non al dottor Pusceddu che vanta un a lunga esperienza alla Pubblica Istruzione ed ai Servizi Sociali? Corrisponde al vero che il dottor Pusceddu, dirigente dell’Ente ad altre 100.000 euro l’anno, ha rifiutato l’incarico che il Sindaco voleva conferirgli? Può un dirigente opporsi ad un decreto del Sindaco, questa volta legittimo? E’ vero che qualche Assessore sta girando per gli uffici del Comune per fare pressioni tese a dare ulteriori 10.000/15.000 euro l’anno per l’ing. Dell’Accio, al quale è stato conferito un incarico illegittimo? Lo sanno questi Assessori che operai ed impiegati del Comune guadagnano poco più di 1000 euro al mese e sembrerebbe invece si stiano preoccupando di far passare Dell’Accio, nominato illegittimamente, da circa 85.000 euro a circa 100.000 euro all’anno? Mi risulta che sono in corso riunioni tra dirigenti, ex dirigenti, politici ed esperti avvocati… per smontare il parere dell’ANAC rispetto alla totale illegittimità nella quale è state espletata la gara d’appalto delle mense da parte della dott.sa Santaniello. Io dico e lo avevo detto: fatelo, provateci soltanto e tutti, dico tutti, sarete chiamati a rispondere della vostra condotta davanti alle Autorità Competenti. Non si può proprio revocare quell’appalto, vero dott.sa Santaniello? Corrisponde al vero la notizia che il direttore locale dell’attuale ditta, molto amico di un Consigliere Comunale di Forza Italia, era anche il direttore della Serenissima? Corrisponde al vero la notizia che la nuova Ditta ha assunto almeno tre mogli di funzionari/dipendenti del Comune di Anzio che occupano ruoli chiave all’interno della struttura comunale? Per non parlare del porto, dei pareri coperti dal segreto di stato, delle intimidazioni “mafiose” sulla tomba di famiglia del Capo Segreteria del Sindaco, degli incontri con Marconi e soci per privatizzare il tutto, della ferma volontà del dottor Pusceddu di procedere con la vendita delle azioni del Comune e della Mercurio che, uscita dalla porta alla Pubblica Istruzione quando arrivò la Ceccarini, l’hanno fatta rientrare con più forza dalla finestra dell’Ufficio Tributi, dove sono stati chiamati a lavorare, senza che ce ne fosse bisogno, tre nuovi dipendenti: due di Latina ed uno di Aprilia. Ma dott. D’Aprano, capiamo il suo radicamento pontino, ma non poteva fare in modo almeno che questi ragazzi/e fossero di Anzio visto il tasso di disoccupazione che abbiamo nella nostra Città? Dove sono gli atti di questi nuovi affidamenti alla Mercurio? Sono legittimi? Chi li ha caldeggiati e perché? Ha ragione Placidi…le responsabilità politiche di tutto questo sono dell’Assessore Roberta Cafà… Al rogo.
Marco Maranesi

Anzio: Ma quale libertà di stampa!

Marco Maranesi

Marco Maranesi

In questi giorni, sul territorio di Anzio, stanno accadendo fatti d’estrema gravità che ledono la libertà di stampa e che rasentano il mobbing all’interno della struttura comunale. Conosco Cosimo Bove da una vita ed è un giornalista, direttore e editore di Reporter News scrupoloso che ama il suo lavoro. Gli esprimo tutta la mia solidarietà per il grave atto intimidatorio che ha subito. La stessa solidarietà la esprimo al dottor Bruno Parente, Capo della Segreteria del Sindaco, che (hanno ragione i giornalisti) ha subito, sulla tomba del padre, atti di “intimidazione mafiosa” che credo durino da svariati mesi nell’indifferenza generale. Ma quale solidarietà della politica, consiglieri comunali mi hanno riferito che si sono tenute riunioni nella stanza del presidente del consiglio comunale ed in altri luoghi per “cacciare” il dottor Parente, colpevole di aver dato troppa visibilità all’incontro istituzione in Prefettura dell’Assessore Cafà e di aver concesso al sottoscritto, come ha fatto con tutti coloro che ne hanno fatto richiesta, la saletta al piano terra di Villa Sarsina dove non avendo più una sede politica ho tenuto la mia conferenza stampa. Forse è risultato “indigesto” ai vecchi politici quello che ho detto ma smettetela di perpetrare azioni di mobbing, come spesso è accaduto in passato, nei confronti dei dipendenti che fanno semplicemente il loro lavoro nel rispetto di tutti. Spero non sia vero del dossier del quale parla il giornalista Del Giaccio nel suo editoriale d’oggi, perché se è vero, ha ragione lui. Basta, andiamocene a casa!
Marco Maranesi

Latina: Sclerosi Multipla e Riabilitazione, 28/3/15

Invito SM e RiabilitazioneProseguono le attività di divulgazione della Sezione Provinciale dell’AISM di Latina che, in collaborazione con il Centro di Riabilitazione “Armonia” di Latina, ha organizzato il convegno “Sclerosi Multipla e Riabilitazione”. L’evento, rivolto a persone con sclerosi multipla ed a tutti quelli che sono interessati, si terrà sabato 28 marzo, dalle 8:45 nell’aula conferenze del Centro di Riabilitazione “Armonia” in Via Piave, Km. 69 a Latina, con ingresso libero. La sclerosi multipla è una malattia neurologica che può esordire ad ogni età della vita, anche se per lo più tra i 20 e i 40 anni, e che è più frequente nelle donne, che sono colpite in numero doppio rispetto agli uomini. In Italia si contano 72.000 casi. Le cause sono, ancora in parte, sconosciute, anche se la ricerca ha fatto grandi passi avanti nel chiarire il modo con cui la malattia agisce, permettendo così di arrivare ad una diagnosi ed ad un trattamento precoce così da poter consentire alle persone con SM di mantenere una buona qualità di vita per molti anni. Nell’ambito del trattamento un ruolo fondamentale, in sinergia con la terapia farmacologica, è svolto anche dalla riabilitazione. Il processo riabilitativo nelle persone con SM deve prevedere un approccio totale e specifico per ogni paziente, che coinvolge diversi operatori sanitari: fisiatra, neurologo, fisioterapista, terapista occupazionale, logopedista, infermiere, psicologo, assistente sociale, urologo, sessuologo, neuropsicologo, oculista. Proprio per saperne di più, per capire come agire ed a chi rivolgersi che la Sezione Provinciale AISM di Latina, in collaborazione con il Centro di Riabilitazione Armonia di Latina hanno organizzato il convegno di sabato 28 marzo. Dalle 9, al tavolo dei relatori, dopo i saluti della Presidente della Sezione Provinciale dell’AISM di Latina dott.a Maria Rosaria Serge, si alterneranno il prof. Marco Salvetti dell’Università “La Sapienza” di Roma che illustrerà le ultime conquiste terapeutiche e le prospettive future, la dott.a Silvia Rossi dell’Università di “Tor Vergata” di Roma che illustrerà i progressi finora compiuti nel chiarimento delle basi funzionali della disabilità nella SM, il dott. Fioravante Capone dell’Università Campus Biomedico di Roma con una relazione sulle novità nella valutazione e nel trattamento dei disturbi dell’equilibrio e della deambulazione; il dott. Jonathan Bemporad dell’Ospedale “S. Giovanni Battista” di Roma ed operante presso il Centro Riabilitazione “Armonia” di Latina che illustrerà quali strumenti utilizzare per il controllo della spasticità. Sarà poi la volta del Dott. Giuseppe Palieri dell’Ospedale “San Raffaele” che farà il punto su quando e come utilizzare gli ausili alla mobilità. Si presterà anche, per opera del dott. Andrea Stramaccioni del Centro di Riabilitazione “Armonia” di Latina, una particolare attenzione a come l’aspetto psicologico può influenzare la rispondenza alla terapia. Al termine del convegno si terrà una tavola rotonda per discutere le problematiche inerenti ai servizi operativi sul territorio. Al dibattito parteciperanno il Dott. Giuseppe Nicolucci dell’Ospedale “Santa Maria Goretti” di Latina, il Dott. Jonathan Bemporad in rappresentanza del Centro Armonia, il Dott. Lorenzo Forte dell’ASL Latina e la Dott.ssa Brunella Mazzotta referente dei servizi sociali per il Comune di Latina.

Sermoneta: Grandi e piccoli insieme, mostra di Randazzo, fino al 29 marzo

Carmelo Randazzo

Carmelo Randazzo

Si chiama “Grandi e piccoli insieme” la mostra di pittura dell’artista sordo Carmelo Randazzo in collaborazione con Riccardo De Giovanni, allestita presso il Palazzo Caetani di Sermoneta ed aperta fino a domenica prossima, 29 marzo. La mostra è patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Sermoneta. Quello di Randazzo è un gradito ritorno a Sermoneta, dopo la prima mostra tenuta ad agosto dal titolo “Profonda Libertà”. Nato a Weil Am Rhein (Germania) nel 1969, Carmelo Randazzo a 4 anni con la famiglia si è trasferito ad Aprilia, dove vive ancora oggi con la moglie. Si è diplomato al liceo di Tivoli, in una struttura per ragazzi sordi. Già da piccolo ha cominciato ad appassionarsi al disegno utilizzando matita e penna: “Purtroppo non avendo grandi possibilità economiche penna e matita erano i miei strumenti di lavoro”, scrive Randazzo. “Con il passare degli anni ho cominciato ad appassionarmi sempre di più e ho iniziato ad usare i colori senza mai abbandonare la passione per il bianco e nero. Ora sono completamente assorbito da questa mia passione, e dipingo con oli e tempere su diverse superfici ed i temi che mi suscitano più ispirazione sono quelle legate agli animali ed il loro rapporto con l’uomo”. La mostra è ad ingresso gratuito. Finissage sabato 28 marzo alle 17.

Basket C Reg – LA STAGIONE INTERNA SI CHIUDE ALLA GRANDE, PASS KO IN UNA PARTITA TROPPO TESA E PRIMO POSTO META!

1506444_549278205214536_1139754983876846024_nQuel che alla vigilia si pronosticava come un prevedibile successo del Meta Formia sulla Pass Roma si è realizzato. Nell’ultimo match casalingo della regular season ci si giocava tutto sia per i romani, consapevoli che un colpaccio avrebbe potuto anche rivelarsi inutile ai fini della qualificazione playoff, e sia per i padroni di casa che con 2 punti avrebbero ottenuto la matematica certezza di arrivare alla post-season da primi del proprio girone.

Cisterna di Latina: Note d’Argento, 23-26/3/15

Scuola_Volpi - EnsembleSarà una riunione artistica da record. E’ quella organizzata dall’Istituto Comprensivo “Volpi” di Cisterna di Latina per celebrare il 25° anniversario del Corso ad Indirizzo Musicale. Dal 23 al 26 marzo i docenti e gli studenti di tutti i corsi musicali degli ultimi 25 anni torneranno ad incontrarsi e molti di loro ad esibirsi nell’auditorium dello storico istituto di Cisterna. Un’iniziativa nata quasi per gioco ma che ha trovato subito grande consenso e che viaggia veloce sul web grazie alla pagina facebook che prende il nome dalla manifestazione: “Note d’Argento”. Studenti ormai divenuti genitori, residenti in varie città d’Italia o all’estero, docenti e dirigenti andati in pensione o tuttora in servizio in istituti vicini e lontani, tutti insieme per festeggiare l’evento nel modo più gioioso e naturale: la musica: Quel legame che, di là del tempo e degli impegni, li tiene ancora uniti seppure a miglia di distanza. “Siamo orgogliosi – afferma l’attuale dirigente Nunzia Malizia – di quello che siamo riusciti a creare in questi anni e, in occasione di un anniversario così importante, riteniamo doveroso fermarci per ripercorrere la nostra storia e ringraziare tutte le persone che, con impegno e passione, ci hanno permesso di raggiungere questi risultati; ragazzi, docenti, dirigenti e amministratori tutti. E’ nata così l’idea di creare un evento per unire passato, presente e futuro di questo corso”. Le “Note d’argento” hanno coinvolto tutto l’istituto Volpi, dalla scelta della grafica, ideata da ragazzi di classe III e sviluppata da un gruppo d’ex allievi, all’aspetto organizzativo e logistico. Alunni, docenti, ex docenti, la Dirigente Scolastica e tanti ex allievi del corso ad indirizzo musicale, ora membri dell’Ensemble “Allegro con brio”, hanno lavorato insieme con l’intento di vivere grandi emozioni, all’insegna della musica. Quattro gli appuntamenti in programma con inizio tutti alle ore 19. S’inizierà lunedì 23 con il Concerto dell’Ensemble d’ex allievi “Allegro con brio” città di Cisterna – costituitosi nel 2010 e composto da 40 elementi per la maggior parte formatisi strumentalmente nel Corso ad Indirizzo Musicale della Scuola Volpi. Il concerto vedrà anche la presenza di coro e solisti dell’Associazione “Musica e pensiero” di Paola Marcotulli, sodalizio artistico e personale tra i docenti delle due realtà culturali, attuato ormai molti anni fa. Martedì 24 marzo si terrà il concerto delle orchestre del corso ad indirizzo musicale; orchestra didattica con i ragazzi della classe I e i laboratori di propedeutica musicale della primaria, orchestra delle classi II e III, coro della scuola e la collaborazione del coro dell’Associazione “Musica e pensiero” di Paola Marcotulli. Mercoledì 25 marzo invece l’atteso concerto di tutti i docenti (dal 1990 al 2015) uniti dalla grande passione per la musica e che ha trasformato per molti di loro il rapporto di lavoro in sincero rapporto di amicizia condividendo obiettivi, esperienze ed emozioni, infine giovedì 26 marzo “Amarcord”…la nostra storia – foto, video, ricordi dal 90 ad oggi con gli alunni del corso ad indirizzo musicale, ex allievi del corso ad indirizzo musicale, diplomati dall’anno scolastico 1992/93 al 2013/14, docenti di strumento e delle varie discipline, i dirigenti scolastici, le rappresentanze. Sono stati creati, grazie ai social in questo caso assolutamente efficaci, i gruppi classe d’ogni 3^ uscita dal 1992/93 fino al 2013/14, un gruppo di coordinamento di docenti ed ex allievi, con la finalità di selezionare materiale per la serata (foto e video da proiettare), e creare un archivio storico del corso. Considerando il numero di persone coinvolte, per questa serata l’ingresso sarà ad invito.Scuola_Volpi - Note Argento

Santa Maria a Vico: Chiamati a custodire il Creato, 17/4/15

santa maria a vico“Siamo quello che mangiamo”, asseriva un noto Feuerbach, comprendendo con largo anticipo quanto il cibo potesse influenzare non solo il fisico ma anche la coscienza ed il modo di pensare e di agire di una società. E’ ciò che è stato confermato ieri, presso la sala Sant’Eugenio della parrocchia di Santa Maria a Vico, attraverso il progetto Caritas “Chiamati a custodire il creato”, grazie alla collaborazione di esperti relatori che hanno esaminato il concetto di ecosistema e salute: agricoltura a basso impatto ambientale e valorizzazione della biodiversità. Nonostante la calante partecipazione d’associazioni, cittadini, all’incontro hanno partecipato numerosi alunni dell’istituto scolastico “Majorana” di Santa Maria a Vico e dell’istituto “Gnocchi” di Maddaloni. Scarso l’interesse invece delle istituzioni locali al tema: nonostante l’incontro fosse patrocinato dai comuni di Arienzo, San Felice a Cancello e Santa Maria a Vico, solo quest’ultimo ha partecipato attivamente alla manifestazione grazie alla presenza del vicesindaco e dell’assessore all’ambiente. L’incontro è riuscito in ogni caso ad essere un momento formativo per i presenti, molteplici le modalità di coltivazione che sono state enumerate dagli esperti; l’agronomo Vincenzo Coppola ha evidenziato nella fattispecie, le patologie tumorali e non che possono essere contratte a causa di un eccessivo utilizzo di diserbanti e pesticidi. Coppola ha poi fatto riferimento ai brevetti sui semi imposti dalle lobby, stroncanti per le varietà genetiche dei prodotti. Grazie agli studenti del liceo artistico di Maddaloni, coadiuvati da Valentina Martinisi e, grazie alle riprese video di Matteo Piscitelli, è stato possibile addentrarsi nelle aziende per conoscerne le metodologie di coltura. Più in particolare, durante il convegno, sono stati mostrati estratti delle due giornate trascorse presso l’azienda “Ferrara” di Santa Maria a Vico e “La Sbucciatrice”, azienda sita in Caiazzo. Peculiari e differenti le tipologie e tecniche d’agricoltura, l’una classica, l’altra biologica. Tra i relatori, Lino Barbiero, proprietario dell’azienda caiatina che esporta e produce specialità autoctone, coltivate con metodi del tutto naturali. Il giovane ha presentato l’associazione di cui è vicepresidente: “Arruoliamo contadini” che nasce con lo scopo di formare i giovani ed avvicinarli alla coltivazione, con coscienza e studio. Stessa forma mentis quella di un altro relatore della serata, Manuel Lombardi, noto imprenditore di fama nazionale. Da “Contadini 2.0” ai presidi Slow Food senza dimenticare l’importanza della Coldiretti e d’altri enti a tutela dell’agricoltore. La serata è terminata con il saluto di Tina Zaccaria, una delle giovani mamme delle cartoline inviate da don Patriciello al Papa. La donna, dopo aver raccontato con immenso dolore la drammatica perdita della figlia tredicenne a causa di un tumore ha, con altrettanta forza, raccontato della nascita dell’associazione “Noi genitori di tutti”, nata proprio in seguito alla presa di coscienza del rapporto inestricabile tra ambiente malato e salute. La donna presidentessa dell’associazione, si è messa a servizio, assieme ad altre mamme, delle famiglie disagiate che purtroppo non sono invece sostenute dallo stesso stato, dalla sanità, e spesso non riescono a sostenere economicamente le spese per le cure mediche. L’appello, a chiunque volesse donare supporto morale o economico, è quello di contattare online l’associazione in questione. L’appuntamento mensile del progetto Caritas “Chiamati a custodire il Creato” è previsto per il 17 aprile, giorno in cui si discuterà degli stili di vita ecosostenibili. A seguire un ultimo incontro è previsto a maggio, con la presenza del Vescovo Di Donna. Ha moderato, e lo farà negli incontri successivi, Elvira D’Agostino.

Castelforte: Conferenza sul “Marketing territoriale” all’I.T.E. con l’imprenditore Gaetano Cerrito di Baia Domizia . Messaggi di passione e amore per questa terra a cavallo del Garigliano sono stati lanciati con forte entusiasmo e smisurata voglia di migliorare il territorio. un progetto di consorzio per formare i ragazzi sfruttando il patrimonio artistico e storico di questa terra.

IMG_20150320_120119

IMG_20150320_123836

Di questi tempi siamo tutti un po’ restii a farci travolgere emotivamente da persone e situazioni. Chiusi nell’egoismo tipicamente umano riusciamo a dare smalto e rigore al solo nostro giardino e il resto va a finire nel dimenticatoio. Oggi, 20 marzo 2015, è successa una cosa, a dir poco strana, nella palestra dell’Istituto Tecnico Economico in quel di Castelforte. Un folto manipolo di giovani, dai 16 ai 19 anni, in religioso silenzio, ha raccolto un messaggio autentico e sentito che è partito da un relatore di eccezione che risponde al nome di Gaetano Cerrito di Baia Domitia di Cellole (CE). Il tema dell’incontro verteva sul “Marketing territoriale”, materia sulla quale ancora andiamo avanti a tentoni, noi del Basso Pontino e dell’Alto Casertano. Dopo una breve presentazione dell’ospite, l’imprenditore d’assalto delle belle terre aurunche assolate, di ragguagli tecnici sul tema ad opera delle professoresse organizzatrici, la platea ha ascoltato con un interesse vero Gaetano Cerrito che ha un dono, quello di racchiudere nella stessa persona passione e amore per questa terra bella e ingiustamente mortificata, tenacia e determinazione che hanno fatto di lui il classico “rompiscatole”, creatività e ingegno nel guardare al domani prossimo venturo, eloquio e attenzione alle parole calibrate per un pubblico giovane ma poco avvezzo ai “paroloni” vuoti e ridondanti, impavido come tutti vorrebbero essere, impetuoso come un fiume in piena e uomo vestito interamente di dignità. E Baia Domitia, che sente di avere sotto la pelle, è l’argomento di cui ci parla a lungo. Perla del Tirreno ha vissuto i suoi momenti d’oro qualche anno fa, oggi, apatica e sonnolenta, sembra l’ombra di quanto era nel passato. Per ora perla ai porci. Come può un solo intrepido imprenditore far risorgere dalla cenere queste oasi? Gaetano Cerrito nella sua lezione ha buttato li l’idea di un progetto turistico di Baia Domitia in funzione tutto l’anno. Un consorzio che potrebbe sfruttare il patrimonio lavorativo utilizzato solo in piena estate, persone da formare dare spazio all’arte e alla storia del territorio, riuscire a dare lo spazio giusto alle Terme di Suio con le sue straordinarie acque che languono dai tempi dell’antica Roma. I giovani presenti sentono che si trovano di fronte ad un uomo forte, solido e bevono a cannella le sue parole. Parole di speranza, di fiducia nelle proprie idee, di coraggio per affrontare le tante traversie della vita.”Forza ragazzi, crediamoci, io in quello che sto pensando di fare e voi nei vostri sogni”, ci dice Gaetano Cerrito. “Non deprimetevi se tutto sembra andare male, uniamo le forze e proviamo”. Inutile dire che Gaetano è stato interrotto decine di volte nella sua relazione dagli applausi e alla fine, conosciuti i suoi trascorsi, vuoi vedere che davvero è una di quelle persone che non molla mai! Ah, il messaggio di Gaetano è stato molto forte, quello di credere ancora nella vita. E vi pare poco?

A CASERTA, SABATO 21 MARZO, PIANTUMAZIONE DI NUOVI PINI

pinus_pinea_general (1)Sabato 21 marzo, alle ore 10:30, nella pineta di Casertavecchia sarà avviata la messa a dimora di nuovi pini che sostituiranno quelli abbattuti nel corso degli ultimi eventi meteorologici avversi. Saranno presenti il sindaco Pio Del Gaudio, l’assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Palmiero e Giuseppe Mazzitelli, titolare della Irritekno, società che ha donato al comune venti Pinus Pinea. “Casertavecchia è famosa per il suo borgo medioevale – spiega il sindaco -ma anche per la sua storica pineta che accoglie i visitatori al loro arrivo. Abbiamo deciso di porre immediato rimedio all’abbattimento dei pini causato dal maltempo dell’ultimo periodo e lo facciamo grazie ad un casertano doc come Giuseppe Mazzitelli che dimostra ancora una volta di amare la nostra città. Fu proprio suo nonno – prosegue Del Gaudio – dal quale ha ereditato anche il nome, oltre che la passione per questo lavoro, che curò nell’immediato dopoguerra la posa dei pini oggi presenti. Il lavoro fu completato, come ha raccontato Giuseppe, con grande difficoltà di impianto, anche con l’utilizzo di piccole cariche esplosive, a causa del sottosuolo formato da rocce calcaree compatte. Oggi Caserta può fregiarsi – ha terminato il sindaco – anche di una storia bella come questa che testimonia la qualità e il valore d’imprese che continuano a farsi guidare nell’esercizio della propria attività dall’identità locale e dalla promozione del bene comune”. Nell’occasione l’assessore Palmiero illustrerà anche gli altri interventi in atto nell’area della pineta.

Scacchi a scuola: gli studenti di Sermoneta alle fasi regionali

Un bellissimo esordio nel gioco degli scacchi, per l’I.C. “Caetani” di Sermoneta, che amplia sempre più la sua offerta formativa; i bambini e le bambine delle classi IV e V del Plesso di Sermoneta ed un bambino del plesso di Doganella, dopo il torneo d’istituto hanno partecipato alla Fase Provinciale dei Campionati Giovanili Studenteschi di Scacchi per le scuole medie di primo grado e per le scuole primarie, il 18 marzo scorso presso l’IC “Giuliani” di Latina, organizzata dalla Federazione Scacchistica Italiana (FSI), disciplina associata al Coni, e curata dal prof. Maurizio Vaccaro. I bambini, istruiti dall’Insegnante Lucia Viglianti, all’interno del Progetto “Gioco, Sport e Matematica” del plesso di Sermoneta oltre a dimostrare un ottimo comportamento sportivo e rispetto delle regole del gioco, si sono qualificati con due squadre, per le categorie femminile e mista, per la Fase Regionale, che si terrà a Roma il prossimo 11 aprile, e dove gli studenti della Provincia di Latina, d’ogni ordine e grado, si presenteranno come gruppo provinciale più numeroso d’Italia. «Una scuola sana, che dimostra l’apertura alla multidisciplinarietà e che apre la mente dei nostri bambini – spiega l’assessore alla pubblica istruzione Giuseppina Giovannoli – rappresenta un orgoglio per il nostro paese. La scuola del centro storico, con le attività pomeridiane, sta portando avanti numerosi progetti extra scolastici che arricchiscono il bagaglio-culturale dei nostri ragazzi. I complimenti a tutti gli studenti, all’insegnante Lucia Viglianti e al Dirigente scolastico Enzo Mercuri per il grande lavoro che stanno portando avanti per la scuola di Sermoneta». Il gioco degli scacchi è arte, scienza e sport al tempo stesso e ha una doppia valenza: didattico – educativa e ludico-sportiva. Esso è strettamente intrecciato a varie, importantissime discipline scolastiche, sia scientifiche in senso stretto sia collegate alle scienze umane e sociali. L’8 maggio 2012, il gioco degli scacchi è stato riconosciuto dal Parlamento Europeo, con l’indicazione a promuoverlo nelle scuole, per la sua funzione socializzante, cognitiva ed etica.

Basket C Reg – META FORMIA, PASS ROMA PER STACCARE IL BIGLIETTO PLAYOFF DA PRIMI

10850155_504324846376539_5823687643552157668_nE’ un match, quello di domani alle 18 al PalaFavoccia, che a suo modo può entrare nella breve storia del Meta Formia Basketball. L’ultima gara interna della stagione contro la Pass Roma può essere quella che consacra anche matematicamente il primato di un roster sempre avanti a tutti.

Latina: Reperti urbani (ed extraurbani), 27-28/3/15

Giuliana Bocconcello

Giuliana Bocconcello

Giuliana Bocconcello racconta la “sua” città attraverso un nuovo progetto artistico intitolato “Reperti urbani (ed extraurbani)” che sarà presentato venerdì 27 e sabato 28 marzo dalle ore 17 alle 20 nella sala espositiva del Palazzo della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo (ex O.N.M.I.) – Ufficio Territoriale di Latina, Largo Celli, n. 1. Si tratta del punto di partenza di questa ricerca, per una comunicazione del lavoro effettuato fino ad ora, con una modalità di comunicazione che consenta di raccontare una ricerca così articolata e soprattutto estesa, che va avanti da anni e che sta coinvolgendo tutta la città. “Tutto è iniziato – spiega l’artista – con le prime “Comunicazioni urbane”, le 32 opere che ho realizzato in occasione della II edizione della Biennale di Arte Contemporanea Città di Latina, nel 2012. In questi anni la mia ricerca di testimonianze, frammenti, dettagli storici e naturalistici, presenti in città e nel territorio pontino”. I “reperti” sono stati ricavati da un’imprimitura con dell’argilla fresca e materiali plastici direttamente sulla superficie della città, per ricavarne dei calchi. Punto di partenza del lavoro sono stati i tombini storici della città di fondazione, presenti ormai in pochissimi esemplari originali, nella zona che si sviluppa attorno a Piazza del Popolo e sta proseguendo man mano nella città e nei suoi dintorni. Con lo stesso metodo sono stati ricavati anche dei reperti di alcune specie d’alberi, d’arbusti e specie arboree, sia autoctoni o importati, presenti nel territorio. L’intenzione è quella di creare delle collezioni, dei registri, dei “Reperti urbani” ed “Extraurbani” numerati e classificati. I reperti “urbani” (se raccolti in città) ma anche “extraurbani” (per un’estensione della ricerca anche al paesaggio naturalistico circostante) vogliono essere, nelle intenzioni dell’artista, un modo nuovo, antico e contemporaneo insieme, per tracciare ed identificare una sorta di “mappa”, emozionale ed allo stesso tempo reale e concreta della città di Latina: Una mappa la cui matrice è la città stessa che, attraverso innumerevoli forme e formati, indica, descrive e racconta, come e forse ancor più delle immagini, la storia di un luogo. E’ un invito ad un approccio al racconto e quindi alla storia non solo visivo ed orale ma anche e soprattutto poli-sensoriale. Questo è in linea con la ricerca dell’artista ma anche con le attuali rivisitazioni del concetto di conoscenza sempre più ampio, circolare, esperienziale. Giuliana Bocconcello ha trovato ispirazione nell’attività dell’artista giapponese Masao Okabe che nel 2007 ha concluso una ricerca durata anni che immortalava, attraverso la tecnica del frottage, la città di Hiroshima: Migliaia di piccoli e grandi disegni ricavati dal contatto diretto tra la città (i muri, le strade, i marciapiedi) ed il foglio di carta che, di quella città, diventavano documento e registro di texture. L’immaginazione di Giuliana Bocconcello ha cominciato a viaggiare e da artista squisitamente poli-sensoriale ha pensato di utilizzare l’argilla. Il frottage su carta le stava evidentemente stretto ed ecco l’idea che unisce l’autenticità della sua ricerca, i mezzi e gli strumenti che le appartengono, il luogo nel quale è nata e dove attualmente vive ed il desiderio di superare i limiti del racconto tradizionalmente legato all’immagine ed alla parola. Ed ecco come nascono i “reperti” ovvero dei calchi ricavati dalle superfici della città che appartengono ad un contesto più ampio e che di questo contesto di partenza riconsegnano non solo l’immagine ma anche le caratteristiche materiche e realmente tangibili. N’è scaturito un racconto sorprendente, insolito che restituisce una sorta di fotografia tattile della città.
GIULIANA BOCCONCELLO – BIOGRAFIA
Giuliana Bocconcello è nata a Latina dove vive e lavora. Si occupa di pittura, scultura, istallazioni, delle tecniche di lavorazione della terracotta e ceramica, con particolare lettura simbolica dell’argilla, e filosofica della ceramica raku. Dal 1976, oltre al suo lavoro artistico, al centro della sua attività lo sviluppo di una cultura dell’arte, coniugata e sfociata in arte-terapia e arte sociale in progetti per le scuole e Centri Diurni comunali oltre che collaborazioni con Lega Ambiente, la LILA (lega italiana lotta all’Aids), il Comune di Priverno, il Comune di Latina, la Pro Loco di Maenza, il Comune di Roccasecca dei Volsci, la cooperativa sociale “Il Cammino” e il Dipartimento di Salute Mentale della ASL di Latina in qualità di responsabile per la conduzione dei laboratori di ceramica per l’inserimento lavorativo dei disagiati psichici. Espone le sue opere artistiche dal 1986 in Italia e all’estero. Dal 2000 è socia fondatrice di RARET “laboratorio di cultura della terra”, dal 2004 è presidente dell’Associazione di Promozione Sociale “Solidarte”e dal dicembre 2009 fa parte dell’Osservatorio delle Associazioni di Promozione Sociale del Comune di Latina. Dal 2008 collabora con l’Associazione DIAPHORA’ Onlus di Latina nella veste di responsabile del laboratorio artistico dei Diversamente Artisti Diaphorà. Per le sue mostre ha sempre privilegiato spazi pubblici, spesso all’aperto, per un’idea di arte fuori dalle gallerie e vicino alla gente. Un grande riconoscimento arriva con l’incarico di un’installazione monumentale dell’Associazione dei Veneti nel Lazio in occasione del 72° anniversario della fondazione della città di Latina: nel 2005 Giuliana realizza un grande porta, simbolo del passaggio da una vita ad un’altra, che ospita nell’intradosso i nomi di più di 1000 famiglie che abbandonarono il Veneto per la Pianura pontina. Ha collaborato negli anni con il Comune di Norma nella riproduzione di reperti storico-artistici. Nel maggio 2009 una sua opera è stata regalata al Santo Pontefice Papa Benedetto XVI dal sindaco di Latina in occasione dell’82^ Adunata Nazionale Alpini. Nello stesso anno partecipa a Roma con le sue opere al 187° Annuale di Fondazione del Corpo Forestale dello Stato. Sempre nel 2009 è suo il progetto presentato per i Centri Diurni comunali di Latina LE TAMERICI e PALME. Dal 1998, una sua istallazione è presente nel Museo D’Arte Del Divenire di Scopoli (Perugia) e un’opera in terracotta su tavola è presente nella Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea del Comune di Latina. Riceve nel 2010 il secondo PREMIO ONIRIKA ’09 per la categoria CULTURA dall’Associazione Onirica Edizioni e dalla redazione di Mondore@le magazine e partecipa per la seconda volta a Roma al 188° Annuale del C.F.S. Ideatrice e organizzatrice, dal 2010, della “Biennale di Arte Contemporanea Città di Latina -Premio Sergio Ban”. Nel 2013 ha realizzato il bassorilievo ‘la lavanda dei piedi’ per l’altare della chiesa del “Sacro Cuore”di Latina, località Borgo Sabotino.
Con la mostra di Giuliana Bocconcello la Soprintendenza apre per la prima volta la sede di Largo Celli agli artisti. Info: – giu@giulianabocconcello.it – 3394382176.OpereBocconcello

Lazio Sud n. 6/15

LS 6 copertinaÈ in edicola il n. 6 della rivista “LAZIO SUD” diretta da Lido Chiusano. Prezzo al pubblico € 1,00. Il fascicolo si compone dei seguenti articoli. “Elogio della speranza” di Francesco Giampietri, “Eletto Mattarella, una parola su Napolitano” di Clementina Gily, “L’impianto d’embrioni orfani, una promessa di vita e di speranza” di Luisella Battaglia, “Civiltà italiana e barbarie olandese” di Dino Cofrancesco, “La retorica politica. Un’arte antica, molto antica” di Giuseppe Tortora, “La corda al collo dei Greci e l’Europa allo specchio” di Rocco Viccione, “L’etica incontra le neuroscienze” di Federica Madonna, “Fondi nell’epoca imperiale romana” di Massimiliano Di Fazio, “Scelte dissennate della giunta De Meo che pesano sulle tasche dei cittadini di Fondi” di Luigi de Luca, “Formia tra decrescita e ripresa” di Clide Rak, “L’imbroglio della Via Francigena” di Gennaro Varriale, “Il mercato settimanale di Fondi: la giunta De Meo dorme” di Bruno Fiore, “Come fotografare. Il linguaggio per immagini ha regole precise” di Valentina Reda, “Terrorismo islamico: che fare?” di Nicola Reale, “L’inconsapevole disagio di Lorenzo De Meo, detto “Banana” di Anna Laura Tocco, “Amianto nel Lazio: le vittime e i tempi della politica” di Mirza Mehmedović, “La caotica gestione di Mitrano e Vona: il flop della differenziata a Gaeta” di Corrado Saccone, “MOF in crisi. Addessi, De Meo, Zingaretti: un inutile rimpallo delle responsabilità” di Ettore Capasso, “Il perché di una candidatura” di Mario Fiorillo, “Papa Bergoglio apre ai gay, Alfano chiude” di Vincenzo Giarritiello, “Gaeta è un porto insicuro. Le traversie del comandante Gianluigi Spinosa” di Ersilia Vitiello, “Danilo Dolci ricordato a Formia” di Francesco Villano, “L’inquietudine di Aldo Masullo, maestro perturbante”, di Carmen Moscariello, “L’inverno del Forte scontento. Le difficoltà dell’ex sindaco di Formia” di Lido Chiusano.LOCANDINA LS 6