Ad Ausonia funziona la cura Rosolino. Tracollo Formia, a Maranola il Pomezia cala il poker.

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

SPORT: In Eccellenza nel girone B, l’Insieme Ausonia targata Rosolino continua nella sua crescita; dopo la vittoria contro il Colleferro e la gara di ritorno di Coppa Italia dilettanti, vinta ai danni della Cavese 1919, anche se la vittoria non è servita a superare il turno, la squadra del Presidente Anelli batte 2 – 0 a domicilio il Morolo e scala la classifica, agganciando al quarto posto il Pomezia.

La cura Rosolino comincia a dare i suo frutti soprattutto nel reparto arretrato, che nelle ultime due gare di campionato ha subìto una sola rete contro le cinque subìte nelle prime tre giornate.

Domenica, Mariniello e compagni dovranno definitivamente dimostrare di aver cambiato marcia, al Madonna del Piano, arriva, infatti, il Team Nuova Florida attuale seconda forza del campionato, ma non certamente irresistibile visti i sei gol subiti ed i solo nove fatti.

Tracollo Formia  che subisce un eloquente 4 – 0 dal Pomezia, nella giornata della riapertura dello Stadio di Maranola, sebbene si tratti di una proroga concessa al Formia Calcio per il solo mese di ottobre, in attesa dell’omologazione definitiva.

Il Pomezia ha confermato le attese degli addetti ai lavori, la squadra si era presentata ai nastri di partenza tra le favorite, anche se una sconfitta ed una gara da recuperare, l’aveva lasciata leggermente attardata rispetto alla vetta della classifica, ma nelle ultime due gare ha segnato 10 reti senza subirne nessuna, confermando di essere una corazzata.

Gli uomini di Pernice dal canto loro possono recriminare su alcuni episodi, tra i quali un rigore non dato, ma anche su un atteggiamento che ha lasciato troppo spazio ad una squadra come il Pomezia che è andato in rete in maniera cinica, sfruttando nel miglior modo possibile le poche occasioni create, oltre il calcio di rigore, ma la squadra del Presidente Rossini, potrà riprendersi già domenica prossima sul campo della “cenerentola” Aces Casal Barriera.

di Enrico Duratorre