Appello del Sindaco di Boscoreale per i botti di capodanno

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

botti_capodanno_illegali“Nell’avvicinarsi del 31 dicembre, invito a non esplodere botti e fuochi pirotecnici illegali per evitare che una notte di festa possa trasformarsi in tragedia, come sovente accade. Faccio appello al senso di responsabilità di tutti i boschesi perché abbiano a mettere da parte una cattiva abitudine che spesso vede, tragicamente, coinvolti anche minori che restano mutilati per una vita intera”. E’ questo l’appello del sindaco di Boscoreale, Giuseppe Balzano a pochi giorni dalla vigilia di Capodanno, notte storicamente trascorsa a sparare fuochi artificiali di tutti i tipi per festeggiare il nuovo anno. Tale diffuso fenomeno, con l’impiego, in maniera impropria e imprudente, di fuochi illegali, provoca ogni anno nella nostra regione un numero rilevante di feriti e talvolta vittime, che si affiancano ai danni alle case, cose e patrimonio pubblico. Il Sindaco, intanto, ha sollecitato il comando Polizia Locale ad intensificare i controlli per prevenire ogni forma di vendita di fuochi illegali e per controllare che i venditori autorizzati non abbiano assolutamente a vendere fuochi ai minori. Va ricordato, inoltre, che, ai fini della tutela dell’incolumità pubblica, intesa come integrità psico-fisica della popolazione, e per la sicurezza urbana finalizzata al rispetto delle norme che regolano la convivenza civile e la coesione sociale, vige ordinanza che vieta, su tutto il territorio comunale, l’accensione di fuochi d’artificio e simili è libera che soggetti ad autorizzazione, e consente l’uso di prodotti pirotecnici presenti sul mercato, nel rispetto delle norme vigenti, dalle ore 9 alle 23, previa autorizzazione dell’autorità di pubblica sicurezza e comunicazione preventiva al Comune. L’inosservanza dell’ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro venticinque a cinquecento, fatta salva, ove il fatto assuma rilievo penale, la denuncia all’autorità giudiziaria.

Commenta per primo