Arsenico nell’acqua potabile di Sermoneta valori nella norma.

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

S6300661Rassicuriamo: Dai controlli effettuati da noi nei dati dei prelievi sull’arsenico (as) di Acqualatina ed Asl per l’acqua risulta che i valori sono nella perfetta norma e l’arsenico sembra essere sotto controllo, dall’installazione del dearsenificatore nel pozzo della borgata di Tufette (quello di Via Romana Vecchia), a Latina, infatti, non ci sono più stati innalzamenti superiori a 10 micg/L che è il limite prefissato e i dati del 2013 sono rientrati nella perfetta norma ma anche quelli del 2014 (pubblicati sul sito di acqualatina trimestralmente presentano nell’ultimo trimestre una media di 1,5 micg/L). Nei primi trimestri sempre del 2014 i dati dell’arsenico erano di 5,3 micg/L di medio segnale che il dearsenizzatore sta continuando a funzionare ed in ogni caso l’acqua è pura e potabile, ad oggi l’ultimo dato di media è appunto 1,5 in perfetta misura. Possiamo quindi rassicurare i cittadini che l’arsenico è monitorato dai controlli di Asl-LT e i valori sono nella norma. Nel 2013 abbiamo notato dei picchi d’innalzamento d’arsenico a 7 e 5 in alcuni pozzi/fontanini -via delle vigne e via romana vecchia- e a marzo 2014 c’è stato un picco di 9 micrg/L a tufette (poi rientrato il mese successivo a 3) – (comunque dati sempre nella media del range previsto dall’Unione Europea) poi scesi di valore e ancora più bassi segnale che il rischio è ulteriormente diminuito. Il Dearsenizzatore è controllato e monitorato con attenta manutenzione e le condotte e tubature sono integre e assolvono perfettamente al loro compito di purificazione e filtraggio dell’acqua (ad assorbimento) destinata all’uso umano. Ricordiamo che il problema arsenico ancora affligge molte zone del Lazio ed è un problema notevole dato che l’arsenico è un elemento chimico cancerogeno accertato di prima classe, un semi-metallo pesante di formazione minerale e vulcanica presente in natura che è rilasciato dai sedimenti nelle acque di falda (sotterranee) a causa delle condizioni anossiche (mancanza di ossigeno) del sottosuolo, raramente lo troviamo puro in natura ma più spesso associato ad altri elementi chimici come ferro, zolfo e le nostre zone sono abbastanza ricche di questi tipi di minerali (pensiamo alle sorgenti solfuree di Tufette). La nostra acqua è microbiologicamente pura, cristallina e potabile e tutti i valori presenti dai controlli confermano questa purezza e limpidezza con assenza di batteri ed elementi tossici pertanto può essere consumata e bevuta con la massima tranquillità (i parametri di potabilità: organolettici, fisici, chimici, microbiologici sono nella norma), inoltre, appare essere un’acqua di buona qualità in quanto il residuo calcare di calcio è di mg/L 97,6 e la durezza totale ha un valore di °F 34 su 50 (media massima).
Antonietta Pagani
SEL/gruppo Sermoneta
delegata comunale ai Monitoraggi ambientali

Antonietta Pagani, delegata comune di Sermoneta ai Monitoraggi ambientali
Antonietta Pagani, delegata comune di Sermoneta ai Monitoraggi ambientali

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.