AS ROMA NUOTO: LA ROMA SI ARRENDE DI MISURA AL MURI ANTICHI

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Si chiude con una sconfitta il campionato di Serie A2 della Roma Nuoto. In una partita che non metteva niente in palio, i giallorossi, con la salvezza già in tasca, si sono arresi per 11 reti a 12 in casa del Muri Antichi.

La piscina Francesco Scuderi di Catania è stata teatro della classica partita di fine stagione, con entrambe le squadre scariche mentalmente. Molti gli errori banali commessi da ambo le parti, errori che hanno inevitabilmente condizionato il risultato finale.

La cronaca. La partita si apre con un gol di Liolli, seguito dal pareggio dei siciliani. Il centroboa Valerio Spiezio firma la rete dell’1-2, ma i padroni di casa riagganciano subito il pari. Il parziale si chiude con un gol di Daniele Lisi (2-3), a segno a venti secondi dal termine del tempo.

Nel secondo periodo arriva la pronta risposta del Muri Antichi, cui Angelini risponde con il gol del 3-4. Ancora pareggio per i siciliani, ma la Roma trova il doppio vantaggio grazie a Faiella e Lisi (4-6). Sfruttando uno dei tanti errori giallorossi, però, i padroni di casa segnano la rete del 5-6 a tre secondi dallo scadere del tempo.

Il terzo parziale si apre con un rigore fischiato ad Angelini, ma parato da Gazzarini. Il Muri Antichi non si perde d’animo e trova pareggio e doppio vantaggio (8-6). Sul finire del tempo la Roma accorcia le distanze grazie al secondo gol di giornata di Valerio Spiezio (8-7).

Nel quarto periodo la Roma non è pronta ad arrendersi e piazza il pareggio con Letizi e il vantaggio con Faiella e poi Lisi (8-10). Quando la partita sembrava ormai saldamente nelle mani dei giallorossi, sono ancora dei banali errori a permettere ai padroni di casa di pareggiare e poi volare a condurre per 12-10. Allo scadere del tempo arriva l’ultimo gol di Spiezio, che chiude la gara con il punteggio di 12-11.

“La nostra stagione si è chiusa sabato scorso” le prime parole del tecnico Massimiliano Fabbri. “Oggi era una formalità e tutto sommato abbiamo anche fatto vedere qualcosa di discreto. Certo, potevamo vincere evitando alcuni brutti errori, però ci può stare. Ai miei ragazzi vanno fatti solo i complimenti per la salvezza”.

“La salvezza ottenuta sabato scorso ha di fatto chiuso la nostra stagione” ha aggiunto il direttore generale Giampaolo Grilli. “I ragazzi hanno giustamente staccato la spina e di conseguenza oggi si è visto qualche errore di troppo. Comunque siamo contenti per la salvezza, anche se penso che il valore della squadra sia superiore e di certo avremmo potuto puntare ad una posizione più alta in classifica”.

MURI ANTICHI CATANIA – ROMA NUOTO 12-11

Muri Antichi: Ursino, Carchiolo 3, Dato, Vanovak 1, Alessi 3, Scicali, Scirè, Scebba 2, Zappalà 1, Indelicato 1, Sfogliano 1, Strano, Muscuso. All. Caruso.

AS Roma Nuoto: Gazzarini, F. Liolli 1, Esposito, Lisi 3, Martella, Pappacena, Angelini 1, Spiezio 3, Letizi 1, Faiella 2. All. Fabbri.

Arbitri: Chimenti e Magnesia

Note. Parziali 2-3, 3-3, 3-1, 4-4. Usciti per limite di falli: nessuno.

Superiorità numeriche: Muri Antichi 2/5 +1 rig. (fallito da Carchiolo nel terzo tempo – parato), Roma 3/8. Spettatori 200 circa.

Classifica Girone Sud: Civitavecchia 58, CC Ortigia 50, Roma Vis Nova 49, Nuoto Catania 46, Anteria Telimar 42, President Bologna 34, RN Salerno 32, RN Latina 24, Roma Nuoto 23, Muri Antichi 19, RN Cagliari 11, Anzio Nuoto 0.