Basket – Colpo del Maddaloni: ritorna a casa Biagio Sergio

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

La Pallacanestro San Michele Maddaloni comunica ufficialmente il terzo acquisto della stagione 2014/15. Si tratta del maddalonese doc Biagio Sergio, ala-pivot di 200 centimetri classe 1986, che ritorna nella sua città natia dopo sei anni di lontananza, che gli hanno permesso di arricchire il proprio bagaglio personale.

Cresciuto nel florido vivaio dell’Artus Maddaloni, ha saputo farsi largo sino ad arrivare in prima squadra collezionando presenze ed un alto minutaggio nella vecchia B Dilettanti. Con la squadra della sua città ha giocato fino alla stagione 2007/08, mentre l’anno successivo emigra all’Olimpia Campobasso in C Dilettanti. Nel capoluogo molisano vi rimane altre due stagioni, cambiando però casacca prima con quella della Cestistica Campobasso (C Dilettanti) e poi quella del Nuovo Basket Campobasso (B Dilettanti). Nel 2011/12 approda alla Pallacanestro Benevento, in C Dilettanti, prima di trascorrere gli ultimi due anni al Vasto Basket, nella prima stagione incrociando le lame proprio con il San Michele Maddaloni in DNC, e nella seconda giocando nel girone C della DNB. Biagio è un giocatore il cui curriculum parla da sé, ha saputo farsi strada lavorando sodo, e tatticamente è funzionale sia nel pitturato che dall’arco, avendo un ottimo tiro dalla lunga distanza.

Allora Biagio, con che motivazioni ritornerai a giocare nella tua Maddaloni?

«Vengo da due anni a Vasto che per me sono stati spettacolari. Adesso torno a Maddaloni con la consapevolezza di ritornare a casa mia e quindi con la volontà di portare alto quello che è il nome della mia città. Sicuramente arrivo in una società che conosco, in cui ho rapporti personali con tutti. Per loro, e per le persone che ho lasciato anni fa quando sono andato via, vorrei fare un gran bel campionato visto che ci sono tutti i presupposti per riuscirci».

 

Già conosci dirigenti e tanti compagni di squadra, sei stato cercato più volte negl’ultimi anni, cosa vorresti regalare alla città che vive per il basket?

«Io più che regalare qualcosa alla città, mi sento di dire che l’obiettivo principale sarà quello di ricercare sempre e comunque di migliorarci. Mi è piaciuto disputare dei campionati di Serie B ad alto livello, e vorrei ripetere questo tipo d’esperienza anche a Maddaloni. So di trovare dei compagni di squadra capaci e bravi, e che sono già affermati in campionati di questa categoria. Quindi spero di dare il miglior apporto possibile ai compagni, all’allenatore e alla società tutta».

 

«L’acquisto di Biagio – ha dichiarato il dirigente responsabile Pasquale De Filippo – ci permette di riportare a casa un figlio di Maddaloni, una cosa che ci inorgoglisce particolarmente. Dal punto di vista dell’aspetto tecnico, il suo innesto garantirà decisamente un aumento del tasso qualitativo soprattutto del nostro reparto lunghi. Sottolineo, però, che dopo un paio d’anni in cui lo abbiamo praticamente rincorso, siamo riusciti finalmente a coronare questo desiderio, e ci auguriamo che in un futuro non troppo lontano riusciremo anche a riportare a Maddaloni il fratello Luigi, in modo da vederli giocare insieme per la squadra della loro e nostra città».