Biogas fra Maenza e Privernum antica.

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

un esempio di centrale a biogas.
un esempio di centrale a biogas.

Sono previsti due impianti a Biomasse a Maenza, in località Farneto, zona della pianura maentina densamente abitata e quasi centrale oramai, ma soggetta anche a vincolo paesaggistico e di pregio storico/artistico vista la vicinissima Privernum antica e le strade pedemontane di pregio francigeno. In progetto, presentato allo sportello unico di Maenza da Blt Power Società Agricola srl, 2 impianti per produzione di biogas naturale (metano per energia elettrica e calore) della potenza totale di 1 Mw elettrico (sommandole). Le strutture sorgerebbero ex novo vicinissime alle abitazioni (alcune a 30 metri) anche se debitamente recintate, ma non rispettando così i limiti previsti di distanza per legge. Sembra che il Piano Regolatore (PRG) comunale sia avvezzo e propenso alle varie Dia e permessi a costruire (anche se mancherebbero le richieste ed i controlli dell’Asl di Latina ed ARPA Lazio che risultano, in ogni caso, non necessari per la potenza prevista di 1 Mw). Dalla Regione Lazio tutto in itinere per la costruzione, anche se il Partito Democratico locale ha puntato timidamente i piedi adducendo un “No” agli impianti previsti ed a sostegno del “Comitato Maenza No Biogas”. Da fare notare che non esiste allegato al progetto un rilievo/perizia geologica sul suolo-sottosuolo e sulle falde idriche del posto. Tanti i dubbi che ci sorgono insieme a SEL di Sermoneta (Sinistra Ecologia Libertà) perchè ad un’attenta analisi esiste un serio “Impatto Ambientale” alla messa in atto del progetto. Elenchiamone i problemi:

  1. Consumo eccessivo di suolo pubblico (sarebbero costruiti dei vasconi di cemento per l’alimentazione e la combustione degli indotti oltre alla messa in opera di grandi silos), sarebbero sfruttati 300 ettari di terreno a coltivazione di mais insilato per la combustione;
  2. Sarebbero lavorate e pressurizzate (nei silos) masse di liquami, letame, scarti organici vari e liquidi reflui con il mais (dalla cui formazione certa di percolato e quindi d’arsenico che potrebbe inquinare le falde idriche sottostanti) e dell’emissione certa (dal processo di bruciatura/combustione) di fumi e polveri sottili (pm10-pm2,5) anidride ed azoto;
  3. Esiste un centro abitato e dei vincoli paesaggistici ed architettonici e storico-artistici che ne vietano l’utilizzo in tal senso (da verificare PRG e PTPR – sito d’interesse regionale del territorio e particelle catastali annesse previste e PRT per la zonizzazione industriale ed i corsi d’acqua vicini), con strade inadatte al traffico di mezzi pesanti per il trasporto urbano dei materiali succitati;
  4. Formazione d’odori sgradevoli e puzza stomachevole e produzione sicura d’acido solfidrico dall’odore pungente stomachevole e persistente oltre ad essere agente nocivo ed inquinante e questo in continuo;
  5. Possibile produzione di batteri termoresistenti nel digestato (parte della poltiglia chimica che si forma ed è smaltita come concime/fertilizzante) che contaminerebbe le culture circostanti e la qualità dei prodotti tipici locali (olio, frutta, caseari);
  6. Possibile presenza anche d’inquinamento acustico (rumori di molti decibel all’interno delle turbine di lavorazione dell’indotto).

Crediamo che gli abitanti di Maenza e della vicina Priverno non meritino tutto questo, con i rischi evidenti che ciò comporta e ci preoccupiamo di una tutela della salute pubblica in primis con riferimento principe alla prevenzione primaria, noi di SEL, tanto più che tali impianti non aggiungerebbero neanche posti di lavoro a livello locale. Ad un’attenta analisi sembra che la provincia di Latina abbia approntato una mappa delle centrali per un Piano Energetico provinciale e Maenza rientra in questi piani futuri. Da dire che ci sono piogge di finanziamenti elargiti a questi progetti e sembra che molte grandi lobby ne trarrebbero profitto, vedi la ditta Veolia Italia, Euroenergy del gruppo Marcegaglia (nomi che evocano personaggi e fatti noti). Noi scenderemo in campo a sostenere il comitato del “No biomasse” a Maenza se sarà necessario senza se e senza ma e riteniamo che l’eventuale costruzione e sfruttamento delle biomasse, anche se Legambiente ha espresso parere favorevole) vada “sempre” calibrato e controllato nei minimi dettagli prima della messa in opera e ad un minimo impatto e rischio possibile per l’ambiente vada dato parere contrario alla costruzione preferendo siti alternativi e più idonei allo scopo. I cittadini sono molto allarmati e preoccupati per la loro sorte e per la salute dei loro figli, dunque proponiamo tavoli di confronto e di trasparenza con i Comuni coinvolti, consiglieri ed assessori, esperti, tecnici addetti, aziende locali, Asl, agricoltori, allevatori e tutti i cittadini che vorranno partecipare per spiegare, chiarire e trovare soluzioni idonee ed alternative. Da dire anche che gli allevatori locali sono anche loro contrari alle Biomasse in quanto non ne gioverebbero essendo piccoli allevatori e ritenendo il progetto non rispondente alle loro esigenze.

dr.ssa Antonietta Pagani

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.