Calcio Promozione: Suio Castelforte stende Alatri, ma che arbitraggio…

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Vince la squadra di Pernice cha mantiene l’imbattibilità casalinga in una partita molto accesa dal punto di vista degli episodi.

CASTELFORTE – Non è stata esattamente una partita tranquilla quella al Comunale di Castelforte, due rossi, due rigori, rigosoamente uno per parte, con il direttore di gara Alessandro Iudicone che ha fatto e che farà a lungo discutere, non solo per gli episodi che hanno deciso la partita, ma per un metro di giudizio assolutamente misterioso che ha condizionato l’intero svolgimento della gara. Alla fine l’ha spuntata Pernice su Carlini, 3-1, in rimonta dopo 90′ di battaglia, superando l’Alatri con l’intensità a fronte di un gioco difficile da sviluppare su un campo in pessime condizioni.

Non ha portato pericoli significativi alla porta di Giordano l’Alatri, che passa in vantaggio al 28′ grazie Settanni: un lancio da destra a sinistra pesca Kawashima, il giapponese entra in area, contrastato da Petrillo finisce giù e l’arbitro di Formia concede il primo, generoso rigore della giornata. Dal dischetto Giordano bara la conclusione di Settanni, ma il capocannoniere dell’Alatri respinge in porta la ribattuta segnando il quinto gol in campionato. Reagisce bene il Suio al settimo rigore subito in campionato, trovando il pareggio al 36′ con Lonardo che colpisce di testa al limite dell’area piccola sugli sviluppi di un calcio di punizione da sinistra e batte Ludovici per il gol dell’1-1.

Nel secondo tempo i padroni di casa continuano sulla scia della prima frazione di gara, pressando su ogni pallone e cercando con insistenza le sponde di Cenerelli. Su un fallo laterale arriva il prolugamento di testa di Lonardo, che favorisce il colpo (ancora di testa) di Martino, è il 57′ e l’ex Minturno segna il suo terzo gol stagionale e porta in vantaggio i suoi. Da qui, dopo un uno contro uno fallito da Cenerelli ed un colpo di testa messo di poco al lato da Cerasuolo, il direttore di gara sale ancora una volta in cattedra, espellendo (doppio giallo) per proteste prima Petrillo al 71′, poi Tiberia all’80’, e quest’ultima espulsione è quella che cosa di più all’Alatri, perchè non solo ristabilisce la parità numerica, ma taglia definitivamente le gambe alla rimonta ospite: Cenerelli dribbla in area, Tiberia a contrasto non sembra intervenire in modo falloso, fatto sta che il numero 9 finisce giù e Iudicone indica il dischetto. Cerasuolo segna il più classico dei gol dell’ex tra le proteste di Carlini e le ammissioni di Pernice.

La partita va agli archivi, 3-1 per i padroni di casa che si rilanciano in campionato dopo la sconfitta ad Anagni e si preparano al meglio per la trasferta di Hermada ed il ritorno di Coppa Italia, puramente formale visto il 4-0 sul campo del Minturno. Per l’Alatri invece battuta d’arresto, possibilità di ripresa la prossima settimana, in ritorno al “Chiappitto”, dove affronterà il Tecchiena, prima del ritorno di Coppa contro il Lenola (si parte dal 2-2 in casa della squadra di Lauretti).

SUIO TERME CASTELFORTE – ALATRI 3-1 [28′ Settanni, 36′ Lonardo, 57′ Martino, 81′ rig. Cerasuolo]

SUIO: Giordano, Petrillo, Franco, Pergamo, Scipione, Fusciello, Lucignano (54′ Cerasuolo), Veglia, Cenerelli (94′ Papa), Martino, Lonardo (86′ Caiazzo) A disp: Casagrande, Abbattista, Saltarelli, Caterino All: Gennaro Pernice

ALATRI: Ludovici, Latini, Pirone, Galuppi (60′ Xhanay), Frezza (83′ Roccagalli), Tiberia, Pompili, Simone, Kawashima, Settanni, Del Vescovo (54′ Cestra) Adisp: Minnucci, Arrabbito, Culicelli, Ailenei All: Mirco Carlini

AMMONITI: Petrillo, Martino, Pergamo, Cerasuolo (S); Galuppi, Ludovici, Tiberia, Settanni (A)

ESPULSI: 27′ Petrillo e 80′ Tiberia per somma di ammonizioni.

Davide Guzzardi

Commenta per primo