Canzoni napoletane contaminate dagli Impulsi di Tango nell’Estate Fondana

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Nunzio Milo
Nunzio Milo

CULTURA: Repertorio classico napoletano contaminato dalle note sudamericane del tango, questa la novità musicale della serata Fondana, con il duo Gennaro Del Prete alla chitarra e Sandro D’Anella alla fisarmonica ad accompagnare il cantante Nunzio Milo.

Un mix di stili, che ha sorpreso ed incantato il pubblico presente alla cena spettacolo, organizzata dall’amministrazione comunale di Fondi sulla terrazza del Castello Caetani.

Sandro D'Anella - Fisarmonica
Sandro D’Anella – Fisarmonica

L’insolito trio, nato poche settimane fa, dopo un’esibizione di Del Prete e D’Anella su un’altra prestigiosa terrazza del sud pontino, quella di Torre Truglia a Sperlonga, dove proprio Milo ascoltando le note dello spettacolo “Impulsi di Tango”, ha voluto i due musicisti come compagni di avventura di questa nuova esperienza musicale.

La novità ha riscosso un grande successo, è la prima volta che le canzoni napoletane del repertorio classico, si sono mescolate con i ritmi sudamericani e con le struggenti note della fisarmonica di Sandro D’Anella e la ritmica della chitarra di Gennaro Del Prete.

Gennaro Del Prete - chitarra
Gennaro Del Prete – chitarra

Non solo però repertorio napoletano classico, cantato da Nunzio Milo, ma anche un tributo alle canzoni napoletane moderne con “Napul’è” di Pino Daniele e “Cu’ me”, di Enzo Gragnianiello, con alla voce proprio Del Prete, oltre i pezzi classici di Astor Piazzolla e Bacalov, suonati dalla fisarmonica di D’Anella, il trio si è, quindi, alternato, con pezzi solisti e con pezzi corali, trasportando il pubblico in questa nuova avventura musicale.

Fabio Davino e Ludovica Tarocco
Fabio D’Avino e Ludovica Tarocco

La serata all’insegna della buona musica è stata completata dal maestro Fabio D’Avino, dell’Accademia di Arte Drammatica del Lazio, che ha duettato con una sua allieva che ha già dimostrato grandi doti e grandi potenzialità, la giovanissima Ludovica Tarocco, che si è esibita, insieme al suo maestro in alcuni pezzi classici ed alcuni duetti famosi del repertorio napoletano, intervallati dai monologhi dello stesso Davino.

Musica ed enogastronomia, curata da Magni Ricevimenti di Villa Paola, sulla terrazza del Castello Caetani, sono stati gli ingredienti della serata, inserita negli eventi dell’Estate Fondana, dove la musica ed il cibo, hanno fatto da filo conduttore nella scoperta del territorio e delle sue peculiarità, un mix che ha trovato tutti d’accordo, nel ritenere l’abbinamento “perfetto”, come nelle parole della Contessa Vitetti Martini, ospite della serata, che ha apprezzato la scelta di abbinare l’enogastronomia con prodotti tipici del territorio al nuovo percorso musicale.

di Enrico Duratorre

 

Commenta per primo

Lascia un commento