Comunicato Meta Formia: ESSERE LIBERI NELLE REGOLE.

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Il 16 dicembre u.s. nella Sala Ribaud del Comune di Formia si è svolto, in una sala strapiena, il primo appuntamento stagionale di BASKETBALL inVITA, sezione culturale del Formia Basketball.

Grande attenzione all’intervento del Prof. Cesare Fregola e della Prof.ssa Eledia Mangia al Workshop “ESSERE LIBERI CON LE REGOLE” (sottotitolo: Allearsi per allenarsi ad esprimersi.). Il Prof. Fregola ha coinvolto ed affascinato i presenti partendo dalla differente velocità della vita di una volta e quella di oggi, sottolineando però che i valori e le regole basilari sono rimaste tali. Ha metaforizzato, in particolare, questa differenza con l’esempio del “semaforo” e della “rotonda” sottolineando l’importanza dell’autocontrollo e dell’autoregolazione.

Soddisfatto il Presidente del Consiglio Dott. Maurizio Tallerini, ideatore del progetto “Come vorrei la mia Formia” nel quale è stato incastonato questo workshop: <<Ringrazio il Formia Basketball e la Dott.ssa Maria Solis, referente della sezione BASKETBALL inVITA, per aver colto un argomento estremamente attuale e su cui riflettere per ridurre il gap generazionale e rendere più efficaci le dinamiche comunicazionali. È stato sapientemente esposto un esempio di come lo sport, palestra di vita, è assolutamente trasversale ed utile anche al di fuori dei campi di gioco.>>

Altrettanto soddisfatta la Vice Presidente del Formia Basketball Dott.ssa Maria Solis: <<“ESSERE LIBERI CON LE REGOLE” è un titolo a prima vista pretenzioso, soprattutto per chi pensa che la libertà è fare tutto ciò che si vuole o che la libertà dell’uno finisce dove comincia la libertà dell’altro o, addirittura, per chi pensa che uno status di libertà non sia possibile acquisirlo del tutto. Siamo, comunque, certi che esiste una libertà di pensiero, di azione, di scelta di vita. Come può il “sentirsi libero” conciliare con il “seguire le regole”? Kant sosteneva che l’uomo libero non è altro che un uomo rispettoso della moralità, che la libertà non consistesse nel fare tutto senza regole, se non le proprie, ma al contrario avere la determinazione di agire nel rispetto delle condizioni morali riconosciute. Le regole è opportuno che esistano in una convivenza civile, dipende solo da come sono vissute e da come si insegna a viverle. In un mondo come il nostro, caratterizzato da innovazioni e cambiamento, le regole esistono, ma sono espresse diversamente dal passato (vedi giochi tradizionali e regole video giochi). Le regole non vanno imposte, ma vanno imparate, è per impararle bisogna sentirle proprie. Le figure educatrici (genitori, docenti, insegnanti, allenatori, istruttori) hanno il compito di “allearsi” per insegnare le regole nel modo consono ad essere apprese dai ragazzi (discenti, bambini, adolescenti). Per apprendere le regole per vivere bisogna “allenarsi”. Quale migliore opportunità di quella offerta dallo sport? Lo sport è vita!>>

Questo il messaggio del Prof. Cesare Fregola: <<Nello sport, e nel basket, le regole raggiungono la massima espressività di libertà di “esprimersi” per ottenere ciò che si vuole, per conseguire l’obiettivo prefissato ed impiegare le 3 D (Disciplina – Disponibilità – Determinazione) che sono importanti per condurci al successo nello sport e nella vita con Divertimento. Quindi, se è vero che lo sport è vita, possiamo affermare anche che la vita è sport. Complimenti al Formia Basketball per la grande intuizione ed attenzione che nutre, non solo per lo sport ma per tutti gli aspetti formativi per i giovani e per le loro famiglie.>>

Restiamo in curiosa attesa del prossimo appuntamento di BASKETBALL inVITA!