COMUNICATO STAMPA UGL PROVINCIALE FALLIMENTO MIDAL – REGIONE LAZIO

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

“Raggiunto l’accordo per la cassa integrazione per i punti vendita sequestrati a Brio ex Midal  Q4, Q5 e Fiano Romano”

Lo dichiara il Segretario Provinciale Ugl Maria Antonietta Vicaro, presente ieri sera all’incontro convocato con urgenza dal Funzionario della Regione Lazio Raffaele Fontana e terminato in tarda serata.

“Una boccata di ossigeno per i lavoratori dei tre punti vendita, che dopo i sequestri, erano rimasti senza lavoro e retribuzioni. L’ipotesi raggiunta è che dopo ulteriori verifiche in corso,  verrà sottoscritto il 6 novembre prossimo, sempre presso la Regione, un accordo per la  copertura da luglio a ottobre con la cig in deroga e da ottobre in poi con una Cassa integrazione per eventi imprevisti ed improvvisi di 12 mesi.”

I tre punti vendita di via Paganini, via Cirri e Fiano Romano, erano stati sequestrati dalla Procura alla società Brio srl dopo il fallimento della società Le botteghe che aveva passato la gestione a Brio e seguente alla  mancata riconsegna alla curatela Fallimentare Midal dei supermercati.

Era rimasto da sciogliere il nodo di chi avesse il titolo a gestire il personale, e proprio ieri gli avvocati della Brio, hanno confermato che la gestione della forza lavoro e’ ancora in capo al gruppo Moneti.

Un’altra parte dei supermercati (via  Piave, via Epitaffio e Sabaudia) e’ tornata con art. 2112 del codice civile , in capo alla curatela Midal e anche questi lavoratori si trovano in cig in deroga in attesa delle competitive e riassegnazioni con bandi di gara. Quindi sono sei i punti vendita in attesa della riapertura.

“ Questa ulteriore suddivisione delle responsabilità , consentirà ai lavoratori  di avere le coperture degli ammortizzatori sociali, in attesa che finalmente con la riapertura, si chiuda una delle vicende più travagliate per i circa 200 lavoratori che da  2 anni non hanno certezze occupazionali.”