Coordiname​nto per la regione Lazio Club FS Forza Italia

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Forza ItaliaLa conferenza Stato Regioni ha stabilito che il Lazio è al secondo posto nella classifica delle ripartizioni dei fondi per la sanità con 10,15 miliardi, dietro alla Lombardia con 17,5 miliardi e davanti alla Campania con 10,12.
Sono 400 milioni in più rispetto alle precedenti assegnazioni. Questo grazie ad un aggiornamento dei data base e delle piattaforme informatiche che hanno consentito di valutare il reale numero dei cittadini della regione Lazio.
C’è dunque la speranza che la regione esca dal commissariamento e che possa iniziare una nuova era sanitaria.
Cristian Leccese coordinatore dei Club Forza Silvio per la regione Lazio dichiara: – “Auguriamo alla nostra regione una rinascita dal punto di vista sanitario. Per troppo tempo abbiamo assistito ad uno scempio all’interno delle strutture sanitarie pubbliche e del personale sanitario ed assistenziale nonché dell’offerta relativa ai servizi al cittadino. Sarebbe opportuno rivedere tutte le domande e le offerte di prevenzione, cura e riabilitazione nelle varie province e stabilire nuovi criteri di assegnazione dei fondi. Valutare le strutture d’elezione, ampliare i servizi laddove necessario e potenziare le risorse umane. Favorire una gestione del personale che valorizzi lo stesso anziché demotivarlo. Non dimentichiamo che i nostri professionisti sanitari sono tra i più preparati al mondo. Il SSN italiano è considerato dall’OMS ai primi posti nella garanzia delle cure e nella formazione. E’ auspicabile la collaborazione di tutte le forze politiche. Evitare ostruzionismi di sorta e verificare che ogni provincia sia dotata di strutture atte a far fronte all’emergenza ed alle esigenze sanitarie della cittadinanza. Il 70% dell’attività regionale riguarda il comparto sanità dunque assolutamente prioritario. E’ necessario rivedere anche i rapporti con le strutture convenzionate che nel Lazio sono oltre il 30% a differenza di altre regioni che affidano solo il 10-20% delle convenzioni a strutture private. Tutto questo porterebbe una vera rivoluzione territoriale e riporterebbe il Lazio ad essere una tra le regioni guida nella sanità e che lo meriterebbe anche grazie al mondo associazionistico del volontariato che in molti casi supplisce le carenze”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.