Cori – AGEVOLAZIONI IUC: GLI SGRAVI IMU, TARI E TASI PREVISTI DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER I CONTRIBUENTI  

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

CoriIn seguito alla recente approvazione del Regolamento IUC – Imposta Unica Comunale – da parte del Consiglio Comunale, i contribuenti possono beneficiare di una serie di agevolazioni stabilite dall’Amministrazione comunale, previa presentazione di apposita istanza e relativa documentazione presso l’Ufficio Tributi del Comune di Cori. Di seguito i principali sgravi introdotti dall’Assessorato al Bilancio rimandando, per una panoramica più dettagliata della materia, al regolamento disponibile anche sul sito istituzionale www.comune.cori.lt.it oppure direttamente all’ufficio competente.

Per quanto riguarda l’IMU – Imposta Municipale Unica – (scadenze: 16 giugno e 16 dicembre), sono esenti l’abitazione principale e le relative pertinenze (garage, cantine, ecc.), ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (abitazioni di lusso). L’esenzione è estesa anche alle aree fabbricabili utilizzate per le attività agro-silvo-pastorali. Le riduzioni del 50%si applicano ai fabbricati di interesse storico o artistico e a quelli dichiarati inagibili o inabitabili, e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo durante il quale sussistono tali condizioni.

La TARI – Tassa sui Rifiuti – (scadenze: 16 luglio, 16 settembre e 16 novembre) prevede alcune riduzioni. Del 60%per immobili ubicati esternamente alle zone ove il servizio è attivato. Del 30%per i nuclei familiari, anche non residenti, a cui appartengono soggetti diversamente abili con un’invalidità riconosciuta pari al 100%; per enti ed associazioni che abbiano per scopo l’assistenza e la beneficienza rivolta a categorie sociali bisognose oppure la divulgazione delle tradizioni della città di Cori attraverso attività folkloristica. Del 10% per le utenze domestiche e non domestiche che praticano il compostaggio della frazione organica dei rifiuti urbani con trasformazione biologica. Sono esenti i nuclei familiari residenti, privi di altri redditi, oltre una pensione al minimo, e le occupazioni realizzate da enti ed associazioni senza fine di lucro o nel caso di manifestazioni patrocinate dal Comune.

Per la TASI – Tassa sui Servizi Indivisibili – (scadenze: 16 ottobre e 16 dicembre) è prevista una detrazione di 25 € per ciascun figlio a carico di età non superiore ai 26 anni, per un massimo di tre figli e fino ad una detrazione massima di 75 €. Ed anche una riduzione del 30% per le abitazioni principali nel cui nucleo familiare vi sia un soggetto affetto da invalidità permanente al 100%.

La novità della IUC è rappresentata dalla TASI, la cui prima scadenza cadrà il 16 ottobre. Oggetto dell’imposta sono solo le abitazioni principali, soggette all’aliquota del 2,5 x mille, con applicazione delle suddette agevolazioni – spiega l’Ass.re al Bilancio Mauro De Lillis, che sottolinea – per la TASI ci siamo impegnati a non applicare l’aliquota massima del 3,3 x mille prevista dalla legge in caso di introduzione di sgravi fiscali, i quali verranno coperti dal bilancio comunale con corrispondenti riduzioni di spesa corrente. Il quoziente familiare, in particolare, è diretto a compensare la maggiore imposizione TARI che grava sui nuclei familiari più numerosi, essendo parametrata alle dimensioni dell’immobile e al numero dei componenti la famiglia”.

Commenta per primo

Lascia un commento