Cori: ALLA SCOPERTA DELLA STORIA LOCALE

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

«Tra antichità ed età moderna. Studi e ricerche». Grande riscontro per il secondo ciclo annuale di incontri, conferenze e presentazioni presso il Museo della Città e del Territorio di Cori, sintomo della positiva sinergia tra la Direzione Scientifica del Museo della Città e del Territorio di Cori, l’Associazione Culturale Arcadia e l’Amministrazione Comunale.

Autorevoli interventi hanno permesso di sondare temi indispensabili per la conoscenza della storia locale. «Iscrizioni antiche di Cora. Una revisione», a cura della dott.ssa Renata Centola – Sapienza Università di Roma, ha battuto sul grande patrimonio epigrafico di Cori, noto sin dalla metà del Quattrocento, rilevando aspetti della vita istituzionale, religiosa e sociale della città, dal III secolo a.C. al IV d.C.

Lo studio degli architetti Angela Papasidero e Paolo Sellaroli «Cori: tipologie edilizie nell’area del foro tra medioevo ed età moderna. Un’esperienza contemporanea nel tessuto urbano stratificato» ha offerto una ricostruzione critica del tessuto edilizio di Via delle Colonne, tenendo conto delle antiche presenze e del loro potenziale, per una nuova qualità urbana.

La presentazione del libro di Marina Caffiero ed Anna Esposito, (Sapienza – Università di Roma) «Gli Ebrei nello Stato della Chiesa. Insediamenti e mobilità (secoli XIV – XVII)» è stata occasione per focalizzare l’attenzione sulla significativa presenza della comunità ebraica sul territorio corese nella prima metà del Cinquecento.

Il convegno «Tra Velitrae e Cora: luoghi minori della biografia di Augusto», a cura del prof. Domenico Palombi (Sapienza – Università di Roma), ha messo in luce i legami dell’imperatore romano con il territorio lepino – pontino, nell’ambito dei festeggiamenti del Bimillenario Augusteo, ai quali la Città di Cori ha partecipato anche con la Notte Augustea. Nel mezzo la Notte dei Musei, la Giornata Internazionale dei Musei e le rassegne culturali InKiostro e ArticoloUno hanno impreziosito la programmazione.