Cori: CAROSELLO STORICO DEI RIONI DI CORI 2014

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Continua la magia del Carosello Storico dei Rioni di Cori con le Feste di Porta e per tre week – ends consecutivi diventano protagoniste le taverne rionali. Inizia, questo fine settimana, Porta Ninfina, che domenica scorsa si è aggiudicata il Palio Madonna del Soccorso 2014, tornando alla vittoria dopo tre anni e cinque palii. L’appuntamento, per i contradaioli e tutti gli amanti della buona cucina casareccia, è per il 5 e 6 luglio, presso l’area dell’ex campeggio di Stoza, dove verrà imbandito il convivio.

Il regno rossoblu, direzione Ninfa, il cui stemma riproduce un castello ed un ponte e di motto fa «Viribus Unitis», si estende dall’inizio di Via Ninfina fino al Complesso di Stoza, dall’inizio di Via dell’Unità sino alla fine di Via Laurienti e da Piazza Ninfina fino all’Ospedale S. Maria degli Infermi. Diversi i luoghi e le testimonianze di valore storico, artistico ed architettonico che contraddistinguono questa Rione: le Chiese di San Michele, della Madonna del Pianto e di San Salvatore; l’area del foro e il Tempio di Castore e Polluce; Pozzo Dorico, le Sipportica, Il Ponte della Catena e il Castello di Santa Margherita.

È la squadra che ha vinto il maggior numero di palii, 24, 14 Madonna del Soccorso (1937, 1952, 1971, 1993, 1996, 1997, 1999, 2001, 2004, 2005, 2006, 2009,  2011, 2014) e 10 Sant’Oliva (1994, 1995, 1996, 2003, 2004, 2005, 2006, 2008, 2009, 2010). Alla prima competizione di quest’anno la quaterna di cavalieri era formata da Toselli Massimo, Toselli Marco, Martufi Giovanni e Agostinelli Umberto.

Le cene saranno animate da musica dal vivo e da spettacoli folkloristici e rinascimentali, sotto lo sguardo attento del Priore Luigi Rossi e della Priora Antonia Marafini. I forestieri simpatizzanti, inoltre, verranno iniziati col famoso battesimo di porta: il capitano in costume, dopo aver recitato la formula rituale alla quale dovranno seguire tre “lo giuro”, bagnerà la testa del nuovo contradaiolo con l’acqua della fontana di piazza Ninfina.