Cori: EQUIPE 84 E LUCA CAROCCI LIVE

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Una domenica sera di elevato spessore musicale a Cori e Giulianello, con il doppio concerto live degli storici Equipe 84, che hanno riscaldato il pubblico di piazzale San Francesco, in occasione della festa di San Antonio da Padova, e quello di Luca Carocci, che  ha animato piazza Umberto I col suo nuovo album «Giovani eroi».

Quest’ultimo ha dato inizio ad un lungo calendario di appuntamenti estivi che animeranno il centro storico di Giulianello fino a Settembre. Manifestazioni culturali organizzate da «Zoo Concept» e dal MAG, insieme all’Amministrazione comunale, «Chi dice donna», «Gli Artigiani dell’Amore», alcuni artisti ed attività commerciali locali.

Un percorso incentrato su tematiche connesse al territorio di Giulianello e su un’idea di paese e di comunità edificate sulla cultura, l’arte, l’ambiente, l’economia agricola, l’autonomia di un borgo che vuole ricostruire la propria identità e valorizzare le proprie peculiarità storico-artistiche, paesaggistiche, culturali e gastronomiche.

Le iniziative proposte sono frutto di un cammino condiviso da gran parte della popolazione, che ha indicato, tra le tante novità che pure ci saranno, alcuni pilastri inamovibili dell’Estate Giulianese, da riproporre annualmente perché simbolo dell’identità locale.

Lo «Slow Food Day» dedicato al cibo buono, pulito e giusto. Il «Pè i ndò – Festival di radici e culture impopolari», riservato alla musica popolare e al confronto/dibattito sul futuro del paese. Il «Book’n’Roll – Rassegna di scritture urgenti», vetrina per scrittori e cantautori emergenti, quest’anno con testimonianze dall’Ilva di Taranto.

Il «UazZappe – che accade?», rappresentazione teatrale in dialetto giulianese e l’«Ole Jorgensen Jazz Festival – Jazz e Dintorni», tributo al compianto musicista, tra le personalità più influenti del paese. L’Estate Giulianese consentirà anche di ricreare un centro storico a misura d’uomo, con la sua chiusura al traffico serale, e di riaprire al pubblico l’antico Palazzo Salviati.