Cori: FESTA DI PORTA ROMANA

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Con la Festa di Porta Romana si conclude questo weekend la terna dei banchetti rinascimentali, che caratterizzano il Carosello Storico dei Rioni di Cori nelle tre settimane che separano i due Palii.  Sabato 19 e domenica 20 luglio, ritorno all’età della Rinascenza nella contrada di Cori valle che punta in direzione Roma, contraddistinta dai colori giallo-celeste, uno stemma con arco e freccia e di motto fa «Per aspera ad astra».

Il Comitato quest’anno ha riportato la taverna rionale nel suo luogo naturale, a piazza Romana, a due passi dallo storico fontanone dove i contradaioli hanno festeggiato con il tradizionale bagno i 10 palii vinti, 4 Madonna del Soccorso (1995, 1998, 2002, 2012) e 6 Sant’Oliva (1998, 1999, 2000, 2002, 2011, 2012). Gli onori di casa al Priore Tommaso Ducci e alla Priora Claudia Mammucari. Protagonisti anche i cavalieri, Paolo Tora; Alessandro, Benedetto e Sergio Fiaschetti.

Qui si svolgerà il convivio serale a base di prodotti tipici locali, preceduto nel pomeriggio dalla corsa all’anello con le biciclette, nella zona industriale e a piazza della Croce, e dalla sfilata in costume lungo le strade del rione. La cena sarà allietata dagli Sbandieratori Leone Rampante e dalla Compagnia Rinascimentale Tres Lusores, accompagnata dal Complesso Strumentale Fanfarra Antiqua. Canti e balli popolari a chiudere il programma.

Non solo Rinascimento e buona cucina. Anche la zona che abbraccia Porta Romana è una vetrina monumentale a cielo aperto da vistare. Il candelabro pasquale più antico che si conosca nella Collegiata di S. Maria della Pietà, nata sulle rovine di un tempio romano; la cappella dell’Annunziata, monumento nazionale del XIII-XIV secolo; il 500esco Complesso Monumentale di San Francesco; i palazzi delle casate nobiliari Landi – Vittori, Riozzi, Montagna, Fasanella,  Maggi e Mattei.