Cori: FINANZIAMENTO DELL’IMPIANTISTICA SPORTIVA E TUTELA DEL DIRIGENTE DI ASD

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Una sessantina i corsisti provenienti dalle province pontina e romana che stamattina al PalaSport di Stoza hanno ricevuto l’attestato di partecipazione al corso «Impianti sportivi: procedure di finanziamento, Istituto per il Credito Sportivo, tutela del dirigente di ASD»,organizzato dal CONI Lazio, rappresentato dal Presidente, Riccardo Viola, e dalla Scuola Regionale dello Sport Lazio, presente il suo Direttore Scientifico, Giacomo Candeloro, insieme a «Cori nel Mondo» e «Polisportiva Stoza».

“La città di Cori continua ad ospitare importanti appuntamenti di rilevanza extracomunale – ha salutato l’inizio delle lezioni il Sindaco Tommaso Conti – quello di oggi, oltre a dimostrare che sta crescendo una cultura dello sport, finalizzata non solo agli atleti, ma a tutti gli operatori e formatori del settore, conferma la proficua collaborazione tra questa Amministrazione e il CONI, la cui consulenza tecnica ci ha aiutato in questi anni a migliorare l’impiantistica sportiva del nostro territorio.”

La giornata di studio è stata suddivisa in due parti. Con il Direttore del Servizio Advisory e Studi dell’Istituto per il Credito Sportivo, Carlo Manca, e il tecnico regionale degli impianti sportivi del CONI, Francesco Ciarlo, sono state confrontate le varie soluzioni e strumenti di finanziamento per gli impianti sportivi. Il docente della Scuola Regionale dello Sport del Lazio, Giovanni Fontana, ha spiegato le forme di tutela del dirigente di ASD di fronte all’evoluzione del quadro normativo.

“Anche il Comune di Cori ha potuto accedere ai prestiti a tasso agevolato dell’I.C.S. – ha ricordato l’Ass.re ai LL.PP. Ennio Afilani – fondamentali per iniziare i lavori di rimessa in funzione della piscina comunale di Stoza. Per ultimarli stiamo ora valutando le due strade del finanziamento pubblico o del project financing col privato, per poi procedere con apposito bando all’affidamento della gestione dell’intero complesso sportivo di Stoza, tranne l’impianto calcistico, ad un unico aggiudicatario.”