Cori: GIORNATA DELLA MEMORIA

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Anche i 14 studenti delle classi terze delle scuole medie inferiori di Cori, Giulianello e Roccamassima saranno presenti oggi, 27 gennaio ad Auschwitz in occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria, in ricordo della liberazione del campo di sterminio e per commemorare tutti i defunti e le vittime delle atrocità della guerra.

L’Amministrazione comunale di Cori e l’Istituto Comprensivo Statale «Cesare Chiominto» hanno aderito, per il settimo anno consecutivo, al Viaggio Pontino della Memoria, l’iniziativa promossa dalla Provincia di Latina che ogni consente a centinaia di giovani di vivere un’esperienza unica, in uno dei luoghi simbolo degli orrori generati dall’odio umano, capace di avvicinare le persone alla cultura della pace basata sul rispetto del prossimo, sul dialogo e sulla tolleranza.

Partiti giovedì, i ragazzi arriveranno domani a questo importante appuntamento dopo le brevi soste a Vienna e Cracovia, e le visite guidate al Campo di Concentramento di Auschwitz e alla casa natale di Papa Giovanni Paolo II a Wadowice, dove hanno assistito alla Santa Messa dedicata alle vittime della Shoa nella Cattedrale cittadina. In seguito alle celebrazioni si recheranno alle miniere di salgemma di Wielicka prima di rientrare a casa mercoledì.

Domenica mattina la scolaresca è stata raggiunta dagli Assessori alle Politiche Sociali e all’Ambiente del Comune di Cori invitati dal Sindaco polacco Janusz Chwierut in onore di quel rapporto di amicizia e di scambio culturale che lega Cori e Oświęcim. Dopo aver contribuito al progetto di edificazione del Tumulo della Memoria e della Riconciliazione in memoria delle vittime del genocidio nella «Città della Pace», per due volte la città lepina ha aperto le porte ai delegati del Comune di Oświęcim accompagnati da gruppi di ragazzi in difficoltà. Nel 2013 hanno visitato Cori i pittori del «Grupa na Zamku» di Oświęcim e una Delegazione corese guidata dal Sindaco Tommaso Conti ha poi partecipato ai festeggiamenti dell’anniversario di fondazione di Oświęcim (Auschwitz).

Lo scorso anno, inoltre, la Giunta municipale ha conferito la targa dalla memoria a Vincenzo Agnoni, militare corese internato nel campo di concentramento tedesco di Fullen sul finire della Seconda Guerra Mondiale, ultimo testimone diretto sul territorio comunale di quella terribile pagina di storia.