Cori – GIURANO I PRIORI ED INIZIA L’EUFORIA DEL PALIO

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Domenica pomeriggio, sul sagrato di Sant’Oliva, alla presenza dei Priori degli anni precedenti, i Consiglieri in toga e gli Sbandieratori, Leone Rampante e Contrade, si è svolta la cerimonia del Giuramento dei Priori che ha aperto ufficialmente il Carosello Storico dei Rioni di Cori 2014. Un evento caratterizzato dall’immersione nel Rinascimento e nei suoi rituali che fanno rivivere atmosfere d’altri tempi.

Tutto è iniziato con il saluto dalla loggia comunale del Podestà, Michele Gattamelata, magistrato eletto dal Consiglio del popolo romano tra i cittadini in vista, ed espressione della sovranità esercitata su Cori da Roma. Salutato il popolo, il Podestà ha incaricato il Camerlengo di recarsi dal Parroco, per prendere lo scrigno con le bussole contenenti i nomi dei Priori da eleggere. Il Magistrato, ricevuto il contenitore, sempre dalla loggia, ha annunciato e presentato i nuovi Priori accompagnati dalle Priore: Franco Alessi e Patrizia Carucci per Porta Signina, Tommaso Ducci (nella foto di Edoardo Alessi) e Claudia Mammucari per Porta Romana, Luigi Rossi e Antonia Marafini per Porta Ninfina.

I neo eletti Priori poi, in coda al Podestà e al Camerlengo, annunciati dagli Sbandieratori, si sono recati sul sagrato della chiesa per prestare giuramento: a ciascuno il podestà ha consegnato le chiavi del rispettivo rione. È stata poi la volta della presentazione e benedizione dei palii, gli oggetti del contendere delle gare che si disputeranno il 29 giugno (Palio Madonna del Soccorso) e il 26 luglio (Palio di Sant’Oliva).

La suggestiva rievocazione si è conclusa con l’investitura, per mano dei Priori, dei cavalieri scelti per portare alto il nome del rione, uno spettacolo degli Sbandieratori ed una cena rinascimentale nelle rispettive taverne. Nell’ultima edizione del 2013 gli artistici stendardi sono stati vinti entrambi da Porta Signina. Dopo un anno di pugnali a riposo la contesa è più aperta ed agguerrita che mai, a meno di una settimana alla prima di una delle due manifestazioni più importanti del centro lepino, l’euforia è alle stelle e l’attesa aumenta.