Cori: IL LINGUAGGIO CHE AVVICINA LE GENERAZIONI E INTEGRA I POPOLI

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Parole e versi che formano e avvicinano generazioni e comunità diverse. È iniziato l’autunno culturale nella Città d’Arte. La Biblioteca comunale «Elio Filippo Accrocca» si è riempita nel corso del Bibliopride 2013 organizzato in occasione della Giornata Nazionale delle Biblioteche. Tantissimi bambini e stranieri hanno partecipato alla celebrazione dell’orgoglio bibliotecario corese per la sua «piazza della conoscenza», capace di erogare servizi efficienti e di qualità, coniugando cultura e società per creare un luogo di incontro, confronto e socializzazione tra tutte le età, etnie e fasce sociali.

 

Atmosfera di festa la mattina. Oltre una trentina di studenti delle scuole materne locali, accompagnati da genitori e parenti, hanno preso parte al Laboratorio di Scrittura e Lettura Creativa. Gruppetti di ragazzi e accompagnatori più grandi hanno costruito libri con le storie da loro inventate, poi lette e condivise con gli altri. Un momento di promozione della scrittura e della lettura tra i giovani e gli adulti che, attraverso la fantasia e l’allegria, diventano più un gioco che un dovere.

 

Il pomeriggio l’incantesimo della poesia dal mondo, accompagnata dal sottofondo musicale di chitarra e violino, ha suscitato emozioni particolari tra il numeroso pubblico presente. Gli «integrati» residenti sul territorio hanno recitato componimenti in polacco, indiano, romeno, siriano, iraniano e palestinese, poi tradotti. Una dimostrazione di come il linguaggio poetico può erigere ponti tra realtà diverse che si incontrano e si arricchiscono a vicenda, superando barriere e confini. Un reading letterario impreziosito anche dalle performance degli autori locali Cardiopoetica e dell’attore Tito Vittori.

 

È partito infineil Giubileo del Lettore Distratto, iniziativa dedicata a tutti gli utenti che non hanno ancora riconsegnato i volumi presi in prestito dalla Biblioteca «Elio Filippo Accrocca». I ritardatari avranno tempo fino al 31 dicembre 2013 per riportare i libri senza andare incontro ad alcuna sospensione dell’iscrizione. Una possibilità di riconciliazione con l’utenza distratta e un’opportunità di riflessione sul significato dei beni comuni.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.