Cori – L’ARTE SOTTO LE STELLE

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

CoriArchiviata con successo anche la XII edizione del «Tu qui ci sei», storico evento culturale organizzato fin dal 2000 dall’Associazione Ricreativo-Culturale NEAPOLIS di Cori, insieme ai numerosi volontari che ogni anno prestano il loro prezioso contributo alla preparazione della manifestazione e all’allestimento dell’ampia area verde di Fontana del Prato che la ospita.

Tre giorni di musica, arte e poesia dal vivo per commemorare la tragica e prematura scomparsa del giovane cantante Felice De Cave, leader della «Felix Band», gruppo rock corese che negli anni ‘80 influenzò molto la scena, non solo musicale, della zona.
Oltre il ricordo di un amico e di un eclettico musicista che precorreva i tempi. Il progetto, infatti, punta a valorizzare il patrimonio artistico giovanile ed indipendente del territorio, favorendo momenti di scambio e diffusione delle arti, dando spazio e palco alle realtà artistiche locali, emergenti e più affermate, all’insegna dello stare insieme.
Concerti, reading e spettacoli. Il giovane cantautore Tommaso Guernacci, i tamburelli e le parole ritmate de «I Fabbricastrofe», l’irresistibile folk/rock romanesco de «Il Muro del Canto». L’energica «Piccola Pietroburgo» e i ritmi raggae dei «Dubass Sound System». Il dissacrante Chiazzetta, la danza contemporanea dei «Trafficanti d’Anima» e il rock neverdie degli «Sprined Cookies». Le poesie dei «Cardiopoetica» e la costante presenza della «Felix Band» (nella foto di Vincenzo Pacifici). Hanno fatto da cornice le immagini «Dance&Camera» degli studenti di coreografia sperimentale SNDO Amsterdam e la video installazione permanente «Moving Beyond Orange» del duo ¿Che.Ne.So?.
Le magiche atmosfere serali sotto il cielo stellato, sono state introdotte nel pomeriggio dagli «Esperimenti sensoriali al tramonto» a cura dell’A.S.D. Artigiani dell’Amore, che ha proposto tre percorsi di avvicinamento e sintonia con la natura: «Espressione creativa» con Elisa Cappai; «Yoga» con Ilaria Cusano e «Bagno sonoro» con Sandro Pravisani.

 

Commenta per primo