Cori: PÈ Ì NDÒ, MIMMO EPIFANI PRESENTA IL SUO NUOVO DISCO

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Ultimo appuntamento musicale del «Pè ì ndò – Festival di musica, radici e sentimenti impopolari» di Giulianello. Il programma domani, domenica 1 settembre, inizierà alle ore 18.00, con la proiezione in anteprima assoluta, presso la sede ASBUC di via del Bottino, del documentario «Il canto della passione di Giulianello» realizzato dalla Cooperativa Montefortino. Alle ore 21.00, a piazza Umberto I, un’eccezionale serata all’insegna della musica popolare d’autore. Chiuderanno la prima parte della rassegna dedicata alla civiltà contadina del Castro Juliano, musicisti di fama internazionale, interpreti e custodi delle antiche tradizioni della loro terra, spesso tramandate oralmente, da tempo affezionati amici della comunità giulianese e delle sue profonde radici culturali.

Mimmo Epifani, il maestro pugliese del mandolino, presenterà per la prima volta al pubblico il suo ultimo disco «Pè ì ndò», registrato a Giulianello, col sostegno del MAG e tra i cui brani spicca una rivisitazione della «Pasquella» velletrana. Canti tipici locali rivisitati in chiave moderna col suo stile inconfondibile, capace di materializzare colori e suoni del Mediterraneo con pizziche travolgenti e ritmi ipnotici, scandite dai virtuosismi improvvisati della sua mandola. Il dialetto diventa lingua universale che racconta fatti, storie e aneddoti legati al territorio, alla natura e ad un sapere che rischia di andare perduto.
Ad accompagnarlo la sua band, «The Barbers», e la chitarra di Josè Barros, autentico fuoriclasse della musica popolare portoghese, leader dei «Navegante» e già collaudato partner di palcoscenico del maestro Epifani. L’incontro di accordi, di chitarra e mandolino, darà vita ad un vibrante concerto con un «pizzico di Fado». E come se non bastasse a rendere magica la grande festa paesana, è prevista la partecipazione straordinaria di Eugenio Bennato, altra icona mondiale della musica etnica dell’Italia peninsulare. Il cantautore napoletano finirà infuocare la piazza con canti popolari sulle irresistibili note di taranta.

Commenta per primo

Rispondi