Cori: PIAZZA DELLA CROCE IN FESTA, INCONTRO TRA ARTE, CULTURA E PRODOTTI TIPICI

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

«Piazza della Croce in Festa: incontro tra arte, cultura e prodotti tipici». Fine settimana di festeggiamenti a Cori valle, all’insegna della promozione dell’enogastronomia corese, delle tradizioni e dell’artigianato locale, ma anche della valorizzazione di uno dei più significativi luoghi storici della città, la principale porta d’accesso al paese, in passato caratterizzata da un antico ponte romano, sostituito negli anni ‘70 dall’attuale piazza che prende il nome da un crocefisso apposto lì nel 1842 dai padri passionisti in seguito ad una delle tante missioni tenute a Cori.

La manifestazione è stata organizzata dal Gruppo Montagna 1 – Sentieri e Natura, con il patrocinio del Comune di Cori, della Pro Loco Cori e dell’Associazione Commercianti ed Artigiani Cori e Giulianello, e rientra nell’ambito delle iniziative finalizzate a promuovere lo sviluppo economico, sociale e culturale del territorio. Un’occasione per riscoprire e vivere insieme l’originario valore sociale ed aggregativo della piazza, luogo pubblico per eccellenza, un tempo principale punto di ritrovo della gente, di fondamentale importanza anche per la vita economica e culturale della comunità.

Sabato e domenica, 24 e 25 agosto, da mattina a tarda sera, sia il piazzale che tutto il corridoio che porta a piazza Romana passando per via Accrocca, ospiterà il mercatino con gli stand allestiti dai commercianti ed artigiani a bordo strada. Una fiera nel corso della quale sarà possibile anche degustare il meglio della produzione culinaria corana, dalla certificata qualità riconosciuta in tutto il mondo. Vini, olio extravergine di oliva, olive da mensa, pane, biscotti, prosciutto cotto al vino, formaggi e prodotti delle aziende di conservazione e trasformazione.

Non solo cibo. Il programma prevede anche esposizioni di foto, quadri e sculture a tema, dimostrazioni di vecchi mestieri (sediari impagliatori, mastri ferrai e vetrai, costruttori di piccoli), recita di poesie e spettacolo folkloristico degli Sbandieratori, esibizioni musicali (concerti di musica popolare e classica) e di artisti di strada (palloncini e trucca bimbi), oltre alle rievocazioni di alcuni giochi popolari (tiro alla fune e spacca piccoli). Spazio pure ai guinnes, con la presentazione di un maritozzo lungo 10 metri.

Commenta per primo