Cori: REPORT ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Il Consiglio comunale di Cori ha detto sì all’istituzione dei tre distinti Sistemi territoriali dei Monti Lepini, museale, delle biblioteche e degli archivi storici. Il progetto di sviluppo territoriale integrato promosso dalla Regione Lazio per ottimizzare l’organizzazione e la gestione dei servizi culturali dell’area lepina è stato approvato dalla maggioranza e un membro dell’opposizione (13 sì e 4 no).

In questo sistema a rete il Comune di Cori entrerà a far parte con i suoi tre Istituti Culturali. Il Museo della Città e del Territorio e la Biblioteca civica “Elio Filippo Accrocca”, inoltre, sono stati dotati di una moderna regolamentazione, approvata in l’assemblea all’unanimità, conforme alle varie normative, soprattutto regionali, e rispondente alle necessità di un settore strategico.

In base alle disposizioni votate in aula, ciascuno dei tre Sistemi Territoriali avrà autonomia organizzativa e funzionale ed apposito Regolamento. La loro gestione tecnico – amministrativa sarà affidata alla Compagnia dei Lepini che opererà in stretta collaborazione con gli Enti Locali coinvolti (Carpineto Romano, Cori, Gorga, Maenza, Montelanico, Priverno, Prossedi, Roccagorga, Roccasecca dei Volsci, Segni, Sezze), secondo quanto stabilito nell’accordo di cooperazione.

Accolto all’unanimità il PUA “Foschi e Fanella” che prevede un’edificazione in zona agricola a destinazione produttiva e di stoccaggio, funzionale all’attività dell’azienda.

Ritirate le due varianti al PRG. Per ulteriori approfondimenti la proposta di regolamentazione della possibilità di realizzare il cd “fronte vasto”. Per un passaggio in Consiglio di Comunità la declassificazione in zona agricola dell’area D di Giulianello richiesta dai proprietari di quelle terre, non interessati allo sfruttamento della loro destinazione urbanistica.

Unanime consenso infine per le regole di gestione in forma associata del servizio di refezione scolastica ed acquisto libri di testo tra Cori e Rocca Massima, dato che l’Istituto Comprensivo Statale “Cesare Chiominto” accoglie ormai gli studenti provenienti da entrambi i Comuni.