Disagi a Sonnino, Besson: “Siamo vicini ai cittadini e sempre pronti a intervenire per risolvere le problematiche purtroppo insite nel nostro mestiere.”

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

AcqualatinaSi apprende dalla stampa della segnalazione all’Autorità Giudiziaria dell’Amministratore Delegato di Acqualatina, Raimondo Besson, da parte dei Carabinieri della Compagnia di Terracina, per interruzione di pubblico servizio. Notizia cui è stato dato eccezionale rilievo dalla stampa anche nella giornata odierna.
La segnalazione si riferirebbe al malfunzionamento verificatosi nei giorni 15 e 22 giugno in conseguenza della rottura improvvisa di alcuni componenti dell’impianto.
Acqualatina dichiara la propria vicinanza agliUtenti per i disagi vissuti, causati da eventi imprevisti e imprevedibili che hanno minato la normale attività degli impianti a servizio del Comune di Sonnino.
I tecnici del Gestore, d’altronde, al fine di ripristinare quanto prima il normale servizio, hannosempre avvertito per tempo mass media e Autorità esono intervenuti, lavorando incessantemente, grazie anche all’attività dell’Unità di Pronto Intervento, attiva 24h al giorno, tutti i giorni della settimana, come ribadito, peraltro, anche dal Sindaco De Angelis.
<<Ci dispiace molto per i disagi vissuti dagli Utenti di Sonnino – afferma l’Amministratore Delegato di Acqualatina, Ing. Raimondo Luigi Besson. Si tratta di inconvenienti purtroppo connaturati al nostro mestiere e, volente o nolente, siamo costretti a farci conti. Ringrazio il Sindaco di Sonnino per aver riconosciuto pubblicamente l’impegno profuso dalla nostra Società e colgo l’occasione anche per ringraziare i nostri tecnici, che hanno lavorato incessantemente alla risoluzione del problema.
Con grande sconcerto, però – aggiunge Besson – vengo a conoscenza di questa denuncia nei confronti di Acqualatina. La Società che rappresento, infatti, non ha mancato in nessun caso ai suoi compiti e, anzi, l’impegno profuso per i disagi di Sonnino è stato straordinario. MI sembra, quindi, surreale, ricevere una denuncia per interruzione di pubblico servizio.
Non vorrei, a questo punto – conclude Besson – che arrivasse anche una segnalazione per l’interruzione del servizio causata, più o meno nello stesso periodo, dal “furto” dei cavi di rame nell’impianto di Fiumicello, che serve Priverno e i comuni limitrofi. A questo punto arriveremmo al paradosso di essere tacciati come colpevoli, da vittime che siamo>>

Commenta per primo

Rispondi