San Felice a Cancello: Don Cristo battezza un detenuto a Piedarienzo, 9/11/14.

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Casa circondariale di Arienzo
Casa circondariale di Arienzo
Domenica 9 novembre 2014, grande evento di Fede per la Casa Circondariale di Arienzo e per la Parrocchia di Piedarienzo in San Felice a Cancello. Un detenuto di 24 anni M.C. d’origine napoletana, riceverà grazie a don Sergio Cristo, cappellano della circondariale e parroco di Piedarienzo, i Sacramenti dell’Iniziazione Cristiana: Battesimo, Cresima, Eucarestia, il cappellano ha ricevuto la delega per amministrare questi sacramenti dal Vescovo di Acerra. Il detenuto si è preparato all’interno del carcere da più di un anno con catechesi settimanali, guidate da Don Sergio, e da momenti di preghiera con la Comunità Gesù Risorto del R.C.C. Il giovane è fiero, emozionato, ma allo stesso momento sereno ed afferma al cappellano:”Padre, è arrivato il momento, che devo cambiare vita!” il cappellano vede in questo giovane un bell’inizio di conversione; anche don Sergio è emozionato ed entusiasta per il ministero che svolge all’interno della casa circondariale. Sono tante le attività che svolge a favore della comunità detentiva, grazie al supporto della direttrice della casa circondariale, anche lei cattolica e piena di grinta per i detenuti. L’ufficio del magistrato di sorveglianza del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ha affidato il detenuto M.C. al cappellano per l’intera giornata di domenica 9 novembre, don Sergio lo accoglierà nella casa parrocchiale di Piedarienzo e nella Messa delle 11.30 gli amministrerà i sacramenti. Don Sergio afferma inoltre: “Sono convinto che questa celebrazione, sarà un evento di grazia, non solo per il detenuto, ma anche per la comunità parrocchiale e per gli altri detenuti che pregheranno dal carcere per il loro compagno di sventura; questo servirà a comprendere che nessuno è escluso dalla Grazia e dalla Misericordia di Dio, Gesù dice, infatti, non sono venuto per i giusti, ma per i peccatori, affinché si convertano e vivano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.