Fondi:Calcio IL PATRON BANDECCHI: “SERIE B, UN PROGETTO ITALIANO”

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

L’ Università “Niccolò Cusano” e l’ Unicusano Fondi sono al lavoro per allestire la squadra in vista della prossima stagione agonistica, con la quale portare avanti il progetto “Serie B”.

A prendere la parola è Stefano Bandecchi, fondatore dell’ Università “Niccolò Cusano” e patron dell’ Unicusano Fondi:
“Questo progetto sarà caratterizzato dall’italianità. Sarà infatti italiana sia la proprietà che i calciatori; avere una squadra totalmente composta da atleti italiani è un passo fondamentale per la diffusione della nostra cultura sportiva.”
ITALIANITA’ PER UNA NUOVA CULTURA CALCISTICA
Nel mondo del calcio, siamo diventati troppo esterofili, se vogliamo che crescano nuovi campioni italiani, nuovi “Totti”, in questo sport è necessario partire dall’italianità. L’ Unicusano Fondi ha centrato grandi risultati, come la vittoria della Coppa Italia e dei play off di serie D, la qualificazione ai play off di Lega Pro nella stagione d’esordio tra i professionisti, grazie ad una squadra formata totalmente da calciatori italiani. La Spal è tornata in serie A con tutti calciatori italiani. Tutto questo, mi preme sottolinearlo, solo ed esclusivamente per lo spirito sportivo, non ho nulla contro gli stranieri, basti pensare che nella mia Università, lavorano dipendenti che giungono da ogni parte del mondo, che nessuno si permetta di equivocare le mie parole; inoltre, il mio Ateneo è operativo anche in Francia, Spagna ed Inghilterra.
 
 

 
 
UNICUSANO FONDI COME NEI PAESI BASCHI
Se dipendesse da me, farei come in Spagna, dove l’Atletico Bilbao è formato esclusivamente da calciatori baschi; in futuro vorrei che la mia squadra fosse formata solamente da calciatori della regione Lazio, stiamo lavorando in questa direzione con il settore giovanile
OBIETTIVO SERIE B
Per quello che riguarda il progetto Serie B, abbiamo iniziato rinnovando i contratti del Ds Luca Evangelisti e dell’allenatore Sandro Pochesci per cinque stagioni. Abbiamo sottoscritto contratti biennali ai nostri calciatori, perché abbiamo creato nel calcio una famiglia-azienda, non imbattibile, ma invincibile, grazie ad un altissimo spirito di italianità, rappresentativo della nostra mentalità.
RITIRO A NORCIA PER STARE VICINO ALLE POPOLAZIONI TERREMOTATE
Siamo la prima società professionistica ad aver definito la sede del ritiro pre-campionato. Andremo a Norcia, per dare un segnale concreto, che vada oltre tante parole, a favore delle popolazioni colpite dal recente terremoto.