FORMIA – Luminarie San Giovanni, l’Assessora Clide Rak: “No alle polemiche gratuite, sempre grande spirito di collaborazione”

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

“Un astio eccessivo che, francamente, non comprendo. Prima di puntare l’indice è sempre bene verificare come stanno realmente le cose”. L’Assessora alle Attività Produttive Clide Rak respinge al mittente le accuse lanciate sabato dal Centro Commerciale Naturale per le luminarie di San Giovanni montate in pieno orario di apertura dei negozi.

“Il comitato di San Giovanni, promotore ed organizzatore degli eventi previsti in occasione della festività patronale, non ha ricevuto alcuna autorizzazione – spiega l’Assessora -. La pratica non è chiusa perché la documentazione prodotta è ancora incompleta. In piena autonomia quindi e senza alcun permesso, il comitato ha deciso di installare le luminarie in orari differenti da quelli solitamente prescritti (prima mattina entro le ore 8.30 ed ora di pranzo 13.30-15.30). La polizia municipale, constatando la piena attività ancora alle 8.30, al fine di evitare maggiori disagi alla viabilità, ha potuto solo creare un senso unico fino al termine delle installazioni”.

“Sono stata per strada fino alle ore 12.30 – prosegue Clide Rak – e non ho visto alcun blocco totale del traffico. Trovo sinceramente sconfortante l’atteggiamento del Ccn che non esita a puntare l’indice contro l’amministrazione, la stessa che, sin dal giorno dell’insediamento, ha sempre favorito la partecipazione degli operatori nelle decisioni che coinvolgono il commercio cittadino. Nulla del genere è stato fatto dal precedente governo cittadino che alle attività produttive dedicava lo 0,2% del bilancio e al turismo praticamente lo 0%. Collaboriamo su tutti i fronti, raccogliamo le segnalazioni ed interveniamo prontamente sulle criticità denunciate: dalle occupazioni abusive di suolo pubblico, ai problemi di pulizia ed ordine nel centro cittadino. La volontà di collaborare c’è, l’abbiamo sempre dimostrata e continuerà ad esserci. Continueremo a coinvolgere tutte le associazioni di categoria e i singoli i cittadini che intendono operare per il bene della città. Le polemiche sterili e gratuite no. Quelle non siamo più disposti ad accettarle e, proprio per questo, voglio ravvisare nel comunicato del Ccn solo una volontà di denuncia di modalità errate e non programmate di azione che, concordo vanno eliminate….ed in tale direzione stiamo operando”.