I risultati delle analisi effettuate dall’Arpac nel Comune di Acerra.

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter
Dialeurodes citri
Dialeurodes citri

La Regione Campania ha trasmesso al Comune di Acerra i risultati degli esami analitici effettuati dall’Arpac in merito alle criticità ambientali del territorio. Dalla relazione Arpac sulle attività di prelievo dei campionamenti di fogliame effettuati in data 5 settembre, presso Contrada San Giovanni e Contrada Montesanto, in seguito alla richiesta del 29/08/2013 del Comune di Acerra, si evidenzia che “la presenza della fuliggine oleosa sulle foglie campionate sia da ascrivere a fenomeni fitopatologici piuttosto che a deposizione di inquinanti atmosferici”. I risultati delle nuove analisi richieste sulle matrici dell’aria, predisposte per il monitoraggio con l’uso di deposimetri, saranno resi pubblici, quando saranno consegnati all’Ente. Gli accertamenti circa l’origine e la composizione di “fuliggine oleosa” depositatasi su piante e edifici, in particolare su piante di cachi e limone, sono stati consegnati dai tecnici dell’Arpac al Laboratorio Fitopatologico della Regione Campania (Fitolab) di Napoli per effettuare esami batteriologici, entomologici, fitopatologici e virologici e al Dipartimento Tecnico dell’Arpac di Caserta per la ricerca di metalli pesanti ed idrocarburi policiclici aromatici (IPA) su superficie fogliare. Dagli accertamenti, come si legge dalla Relazione dell’Arpac, è risultato che “sia le foglie di cachi che di limone presentano un forte attacco dell’insetto degli agrumi (Dialeurodes citri) con scarsa presenza del suo antagonista naturale, il parassitoide Encarsia sp. Evidentemente proprio la scarsa presenza di quest’ultimo, dovuta sia alle condizioni meteoclimatiche sfavorevoli, che alla scarsa cura dei frutteti, ha favorito lo sviluppo abnorme di tale insetto. La conseguente produzione di melata, sostanza zuccherina, ha favorito l’insediamento della fumaggine indotta dai funghi dei generi Cladosporium e Alternaria, il tutto come si evidenza dal certificato rilasciato dal Fitolab. Le analisi sui campioni per la ricerca di metalli e degli IPA hanno evidenziato che la loro concentrazione risulta inferiore al limite di rilevabilità, vale a dire che gli analiti determinati sono da considerare assenti. Inoltre, è stata eseguita anche un’osservazione microscopica della patina nerastra ricoprente le foglie costituenti i campioni che ha evidenziato la presenza massiccia di flora micotica mista a costituire la patina nerastra presente sui campioni”. Come riportato dalla relazione a firma del Dirigente dell’Area territoriale Dott. Luigi Cossentino e del Dirigente UO Aria dott.ssa Giuliana Mazzei, “da quanto fin qui evidenziato, appare evidente che la presenza di patina scura sulla parte superiore delle foglie campionate sia da ascrivere a fenomeni fitopatologici piuttosto che a deposizione d’inquinanti atmosferici”. Sul sito del Comune www.comune.acerra.na.it, dal giorno venerdì 18 ottobre 2013, è possibile consultare tutti i documenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.