IL SANTUARIO DELLA CIVITA A ITRI 21 LUGLIO INAUGURAZIONE DELL’ASCENSORE A DISPOSIZIONE DEI FEDELI E DELLA SALA DEI PELLEGRINI COMPLETAMENTE RISTRUTTURATA

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Padre Antonio Rungi comunica che è stata completata la struttura portante dell’ascensore e che il 30 giugno scorso i tecnici hanno iniziato a montare l’ascensore vero e proprio che porterà i fedeli dal piazzale sottostante direttamente al Santuario della Civita a Itri.

Finora si poteva accedere solo per le scale, dal prossimo 21 luglio, in coincidenza con la Festa della Madonna della Civita, verrà inaugurato il primo ascensore in questa struttura millenaria, dedicata alla Madonna.

Si risolvono così i tanti problemi connessi al fatto che al Santuario non potevano arrivare i diversamente abili, o gli inabili temporanei, per l’enorme scalone che separa il piazzale dalla Chiesa.

Il costo dell’ascensore è di circa 150.000 euro e sono stati diversi gli enti che hanno contribuito alla realizzazione di quest’opera importantissima che abbatte le barriere architettoniche.

In fase di ultimazione la Sala dei Pellegrini, appena saranno completati tutti i lavori al Santuario, anche questa struttura verrà messa a disposizione per le esigenze dei pellegrini che, soprattutto d’estate, giungono numerosi al Santuario, dove opera una comunità di quattro religiosi impegnati sul fronte del Santuario e del Convento cittadino dei Passionisti di Itri.

Si tratta di padre Antonio Rungi, ex Superiore provinciale dei Passionisti della Provincia dell’Addolorata, di padre Francesco Vaccelli, di origini gaetane, di padre Cherubino De Feo, da oltre cinquanta anni a Itri e da quasi trenta al Santuario, di padre Emiddio Petringa, rettore del Santuario dal 2003, su proposta dell’allora superiore provinciale padre Antonio Rungi e su nomina del compianto Arcivescovo di Gaeta, Mons. Pierluigi Mazzoni.

Sono questi i quattro missionari passionisti che assicurano il servizio pastorale e spirituale al Santuario della Civita con grande zelo e non senza reali difficoltà.