La Lupo Rocco batte il Kelona e si salva con una giornata di anticipo

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

SPORT: È 1° aprile, ma niente scherzi. È salvezza. La Lupo Rocco Gaeta, tra le mura amiche del Palasport di Fondi, ipoteca la prima vittoria della Poule retrocessione battendo il Kelona e conquistando contemporaneamente la matematica permanenza in Serie A-1° Divisione Nazionale. Con i tre punti messi in cassaforte, quando manca solo un’ultima giornata da disputare, i biancorossi infatti salgono a +5 proprio sui palermitani, che dunque retrocedono in A2.

Una sfida, rispettando le previsioni, combattuta e sentita da entrambe le squadre, e chiusa definitivamente soltanto negli ultimi tre minuti di gioco, anche grazie alle parate di un super Marco Amendolagine, tra i migliori in campo. Da sottolineare la prestazione di Davide Ciccolella, classe 1999; migliori realizzatori Milos Filic e Pierluca Bettini, entrambi a quota 7.

La posta in palio è alta e si sente, perché dopo dieci giri di lancette il tabellone segna ancora 3-3, costringendo coach Bettini a chiamare il primo time out. Gli effetti tardano un po’ ad arrivare, 5-5 al 15’, ma è da questo momento che i gaetani cercano e trovano il primo allungo con un break di 3-0, 8-5, aiutati tra i pali da Amendolagine. Le “tartarughe” provano a rispondere a tono, senza però riuscire ad avvicinarsi troppo, e si torna negli spogliatoi sull’11-8 grazie al trio Bettini-Ponticella-Filic.

La ripresa parte nel migliore dei modi, con un parziale di 3-1 che fa volare i padroni di casa sul +5, 14-9. I siciliani, superate le incertezze iniziali, vengono svegliati da Alessandro Aragona che, coadiuvato da Saitta e Lima, ricuce parzialmente lo strappo, 17-15 al 14’. I giochi sembrano riaperti, e invece arriva una nuova fuga locale, tanto che i sigilli di Antetomaso, Marciano, Bettini e Davide Ciccolella registrano il 22-16 al 20’. Ultimi dieci minuti. Gli ospiti tentano il tutto per tutto senza mollare mai, e con Saglimbene e Aragona viene tutto rimesso in discussione sul 23-20. La tensione gioca brutti scherzi? Stavolta no. A suonare la carica ci pensa dai sette metri capitan Marciano, che dà il via all’ultimo e decisivo break di 4-0, per il 27-20, +7 e massimo vantaggio del match. Rimane solo il tempo per il Kelona di segnare l’ultima rete, fissando il risultato sul definitivo 27-21.

«Devo fare un grande plauso ai miei ragazzi – dichiara raggiante coach Paolo Bettini -, hanno svolto in questa settimana allenamenti intensi, volevano questa vittoria e l’hanno dimostrato in campo. Hanno commesso meno errori e giocato con più intelligenza. Devo dire che anch’io dalla panchina mi sono fatto sentire, cercando di incitarli, anche durante i time out, per evitare i cali di tensione. Ci siamo riusciti, ce l’abbiamo fatta, nonostante i tantissimi problemi di questa stagione, e per questo voglio ringraziare tutti. Il nostro obiettivo è stato raggiunto, ora non ci rimane altro che onorare fino alla fine questo campionato nella prossima trasferta di Benevento, per poi iniziare a pensare al futuro. E spero che nella prossima annata si possa aspirare ai piani alti della classifica».

Sabato prossimo, infatti, nell’ultima giornata di Poule retrocessione, la Lupo Rocco Gaeta andrà a far visita al Benevento.

LUPO ROCCO GAETA – KELONA 27-21 (p.t. 11-8)

LUPO ROCCO GAETA: Ciccolella D. 2, Ponticella 2, Filic 7, Bettini 7, Marciano 5, Cienzo, Lodato, Florio, Panzarini, Antetomaso 2, Ciccolella A., Bufoli, Macera, Amendolagine. All.: Paolo Bettini

KELONA: Puglisi, Saitta 4, Aragona 7, La Mantia, Saglimbene 4, Mondello 1, Lima 1, Piscopo 1, Testa, Pola 1, Lo Re, Cassata 2. All.: Ignazio Aragona

ARBITRI: Kurti – Maurizzi

di Alessandra Aprile