Marc Luyckx Ghisi: “I cittadini cambiano la civiltà”

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

DSC_5830CULTURA: Partita la terza stagione di Confronti con un relatore d’eccezione, il Professor Marc Luyckx Ghisi, che da tre anni apre gli incontri dell’associazione culturale, che quest’anno si propone di coniugare la riflessione spirituale e filosofica, con le arti: musica poesia, pittura, scrittura, filosofia e politica.

Proprio dalla politica parte il nuovo cammino dell’associazione Confronti, ed il tema, assolutamente attuale, “Il Futuro dell’Europa dopo la crisi greca”, ha visto un relatore che ha incantato il pubblico, spiegando attraverso una serie di aneddoti, racconti e slide, il dietro le quinte.

Il Professor Luyckx Ghisi, profondo conoscitore della politica europea e dei suoi retroscena, ha portato il pubblico a vedere quello che non si può dire, che nessuno racconta, i reali retroscena di una crisi economica che parte da lontano, facendo volare le menti al di sopra di quelle nuvole, create ad arte per nascondere delle verità inenarrabili.

DSC_5793Il futuro, secondo il professor Ghisi è come un bicchiere di whisky, mezzo pieno e mezzo vuoto; il mezzo vuoto è la crisi di valori ed il rischio di collasso di una civiltà, collasso che lui vede come la metafora di una placca tettonica che sprofonda sotto una nuova placca che, invece, rappresenta il bicchiere mezzo pieno, una nuova economia e tutto ciò che esce dalla base, così riportando un modo di dire francese, dice “Un albero che cade fa più rumore di una foresta che cresce, e noi dobbiamo imparare a vedere ciò che cresce dalla base, non solo da noi, ma in tutte le parti del mondo”.

Professor Marc Luyckx Ghisi
Professor Marc Luyckx Ghisi

Infine, il messaggio di speranza per il futuro, è un messaggio comunque positivo, “Non si parla di un collasso mondiale – dice il Professore Ghisi – ma di una governance, politica ed economica che sta per collassare; ma ci sono nuove logiche che stanno nascendo, e la classe dirigente controlla la vecchia logica, ma non vede la foresta che cresce e non la controlla. Il sistema mondiale è come un castello di carte – conclude il Professore – se togli la carta falsa viene giù tutto il castello, quindi bisogna imparare a guardare le nuove logiche che stanno nascendo” 

Prossimo incontro del percorso di quest’anno dell’Associazione Confronti, avrà come tema centrale l’arte, e tratterà “La Verità di Caravaggio”, raccontata dal Professor Giuseppe Fornari, docente di Filosofia dell’Università di Bergamo, appuntamento dunque, al prossimo 7 novembre, ore 18,00, sempre presso la Sala Ribaud del Comune di Formia

di Enrico Duratorre