Minturno: La Toponomastica….ancora slittamenti…e poche risposte

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

 Ancora slittamenti per una situazione che è resiliente oramai dal 2013, almeno dagli ultimi approcci di nomina di commissione.Ieri sera, 5 giugno 2014, è stata una delle interpellanze proposte in Consiglio dalla Consigliera Mimma Nuzzo, rilevando una certa discrepanza, e disagi per gli abitanti. Quello che balza sicuramente all’occhio è la variazione di intitolazione della piazza centrale di Scauri, riconosciuta a memoria di cittadino, come Piazza Rotelli, in quanto il terreno su cui poi è stata costruita la piazza e ciò che vi insiste, era appunto della Famiglia Rotelli. Tale piazza ha assunto da qualche tempo, la ridenominazione di Piazza Sant’Albina, prendendo spunto dalla Chiesa che ospita la Santa. Certamente molti continuano a riferirsi al luogo chiamandolo Piazza Rotelli., soprattutto le vecchie generazioni che si sono scavalcate negli anni crescendo e magari giocando con il pallone nello spazio antistante la Chiesa.

Forse si dovrebbe pensare un pochino a chi è stato una persona o una famiglia che ha lasciato il segno in questo Comune. Nel frattempo resta “in reparto dormitorio” la conclusione di un lavoro che non appare poi così complicato e irrisolvibile, di eventi cui legare l’affisione delle nuove denominazioni, è pieno il calendario degli eventi comunali, basterebbe farne tesoro. Risulta che in qualche stanza ci siano tante targhe in attesa di essere apposte nei luoghi di appartenenza per cui sono deputate. Eppure nonostante l’ampliamento di Commissione non pare ci siano stati grossi scossoni, se non in piccoli settori. Eppure i primi approcci di una variazione nominale di alcune vie, risale alla Amministrazione retta dall’allora Sindaco Sardelli, e le delibere parlavano anche di un rispetto per le figure che avevano rappresentato il Comune nella storia e nello splendore che l’ha reso conosciuto per tanti eventi culturali, folclorici, storici e geografici, creando anche gemellaggi con i comuni esteri.

Autore: Irene Sparagna