Minturno:Messaggio del Sindaco alle Associazioni sportive della città.

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

​Ecco, di seguito, il messaggio del Sindaco di Minturno Gerardo Stefanelli indirizzato alle Associazioni locali, impegnate nel mondo dello sport.
 

«L’Amministrazione assicurerà a tutte le società sportive un sostegno adeguato per agevolare lo svolgimento delle attività sociali, in particolar modo di quelle rivolte ai settori giovanili, ai disabili e ai gruppi oratoriali. Le convenzioni di utilizzo degli impianti, elaborate dal Commissario Prefettizio, si sono rivelate (in alcuni casi) eccessivamente onerose per alcune società e, per questo, vanno riviste profondamente ed adeguate. Tuttavia, ciò non toglie che vi sia la necessità di disciplinare l’utilizzo delle strutture sportive comunali, rispettando le leggi che regolamentano l’uso del patrimonio pubblico attraverso un corrispettivo versato nelle casse municipali.

Ogni club nutre legittime ambizioni, proporzionate alla propria storia sportiva. Tali ambizioni, però, devono essere armonizzate con le capacità economiche che ogni struttura societaria è in grado di mettere in campo. La nostra comunità non ha grandi realtà produttive, commerciali o economiche, per cui soltanto una massiccia partecipazione popolare può assicurare il reperimento di quelle risorse finanziarie necessarie ad affrontare un campionato di livello regionale e nazionale. Una constatazione amara, ma realistica, da cui si dovrebbe partire per pianificare, nel solco delle reali possibilità, le attività nella stagione 2017-2018.

L’Amministrazione Civica assicura, quindi, il sostegno alle realtà sportive locali, ma, al contempo, invita tutti a non disperdere le energie in tanti progetti, quanto piuttosto a trovare le ragioni e l’umiltà per accorpare singole società, nella convinzione che una piccola comunità come la nostra (per essere competitiva) debba essere unita.

Pertanto, nelle prossime settimane incontrerò personalmente i gruppi dirigenziali dei vari sodalizi sportivi per capire come conciliare le esigenze della comunità con quelle delle associazioni impegnate in diverse discipline».