Mura il contatore dell’acqua: sentenza di condanna nei confronti di un utente apriliano.

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

AcqualatinaIl Tribunale di Latina, nei giorni scorsi, ha emesso ordinanza di condanna nei confronti di un utente di Aprilia, in esito a giudizio promosso da Acqualatina. L’utente, al fine di eludere i controlli dei consumi, aveva provveduto a murare il contatore, rendendolo inaccessibile ai tecnici del Gestore.

Acqualatina ha chiesto, così, la reintegrazione del possesso del contatore. Il Tribunale di Latina, dopo aver esaminato i fatti, ha condannato l’utente a reintegrare immediatamente il Gestore nel possesso del contatore, garantendo l’accessibilità agli operatori; lo stesso utente è stato anche condannato al pagamento delle spese processuali a favore del Gestore, pari a 1.383,50 euro.

“Ancora una sentenza favorevole in ambito morosità – afferma il Presidente di Acqualatina, Avv. Giuseppe Addessi. Con questa pronuncia, il Tribunale di Latina va a rafforzare il nostro impegno nel contrastare il grave fenomeno della morosità che, nella zona nord dell’Ato4, ed in special modo ad Aprilia, raggiunge livelli di eccezionalità senza pari. Dal canto nostro, siamo costantemente impegnati, da un lato nell’arginare il fenomeno, dall’altro nel tutelare gli utenti che corrispondono il dovuto, attraverso un servizio di qualità e con le giuste tutele in caso di difficoltà nei pagamenti.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.