OSSERVATORIO TV: ZINGARETTI E MARINO “STAR” DEL TG LAZIO

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Regione LazioIl Sindaco di Roma, Ignazio Marino, e il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, sono le “star” del telegiornale regionale Rai del Lazio.

E se si considera il tempo dedicato all’ex segretario del Pd LazioEnrico Gasbarra, al presidente del Consiglio regionale, Daniele Leodori, e al sindaco di Fiumicino,Esterino Montino, emerge chiaramente che gli esponenti del Partito democratico sono stati i più presenti nel telegiornale regionale Rai in occasione dell’ultima tornata elettorale per le europee e per il rinnovo di diverse amministrazioni comunali. Sono queste le risultanze del monitoraggio dell’Osservatorio di Pavia sull’attività di informazione svolta durante il periodo 1 aprile – 30 giugno 2014 dal Tg Lazio. I risultati di tale monitoraggio, pervenuti dall’Agenzia delle Comunicazioni (AgCom), sono stati illustrati dal presidente del Comitato regionale per le comunicazioni del Lazio (Corecom), l’ingegner Michele Petrucci, ai membri della III Commissione, Vigilanza sul pluralismo dell’informazione, presieduta daGiuseppe Emanuele Cangemi (Ncd).

L’Osservatorio di Pavia svolge per conto della Rai il monitoraggio delle tre edizioni giornaliere del Tg delle venti sedi regionali e delle relative edizioni all’interno della trasmissione “Buongiorno Regione”, rilevando la presenza dei soggetti a cui è possibile attribuire un’appartenenza politica “pubblica”, vale a dire esponenti politici e istituzionali nazionali e locali. Per una corretta interpretazione dei dati, va detto che se è vero che sia il governatore della Regione sia il Sindaco di Roma sia quello di Fiumicino appartengono al Partito democratico, è altrettanto vero che la loro presenza sul piccolo schermo è dovuta perlopiù alla loro carica istituzionale. Diverso il discorso per Gasbarra, oggi europarlamentare, e Leodori che l’Osservatorio di Pavia colloca nella categoria “Altri soggetti”, diversa dalla categoria “Soggetti governo locale” alla quale appunto appartengono Marino, Zingaretti e Montino. Comunque sia, anche in questo caso la distribuzione dei tempi nel periodo considerato ha premiato il Pd, con il 36,8 per cento del tempo dedicato dal Tg regionale sul totale dedicato agli “Altri soggetti” politici. Seguono il Movimento 5 Stelle con il 13,7 %, Fratelli d’Italia con il 12,6%, Forza Italia-Pdl con il 12,6% e gli altri partiti con percentuali minori. La “star” televisiva del centrodestra è stata la leader dei Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, seguita da Fabio Armeni (FI-Pdl), già consigliere regionale e assessore nella Giunta Polverini.

Petrucci ha ribadito che “il Corecom Lazio ha la necessità di disporre di risorse, per poter effettuare direttamente, in occasione delle prossime tornate elettorali, tali monitoraggi, anche al fine di individuare criteri e modalità strettamente funzionali alla realtà della regione Lazio.”. A conclusione del suo intervento, il presidente del Corecom ha comunicato alla Commissione che sono stati nominati la dottoressa Cinzia Felci e il dottor Aurelio Lo Fazio, rispettivamente Direttore del Servizio coordinamento amministrativo delle strutture di supporto degli organismi autonomi (tra i quali c’è anche il Corecom) la prima e dirigente del Corecom Lazio il secondo. Con l’augurio di buon lavoro ai nuovi dirigenti, Petrucci ha espresso “vivo apprezzamento” e il suo ringraziamento al Segretario generale del Consiglio regionale, il dottor Antonio Calicchia, che “ha accompagnato il Corecom Lazio con passione e competenza, consentendogli di superare un periodo di difficoltà e di porre le basi per il rilancio che il Comitato ha attivato.”. Ai ringraziamenti di Petrucci si è unito anche il presidente della commissione, Cangemi.

Nel corso della seduta, infine, è stata distribuita la “Bozza di legge quadro a sostegno del pluralismo e della comunicazione istituzionale”, frutto di un percorso individuato dai commissari che dovrà portare alla stesura di una proposta di legge da incardinare nei lavori dalla III Commissione.

Presenti, oltre al presidente Cangemi, il vicepresidente Gino De Paolis (Sel) e i consiglieri Davide Barillari (M5s), Marta Bonafoni (Per il Lazio), Massimiliano Valeriani (Pd).

Commenta per primo