Pallamano A2: Il Cus Cassino Gaeta ’84 batte il Capua e chiude un2016 strepitoso in bellezza.

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Termina 28-27 per gli stoici ragazzi di coach Antonio Viola che ora salgono a -1 dal terzo posto!
È un Cus Cassino Gaeta ’84 che non molla davvero mai,quello visto affrontare gli ospiti della Pallamano Capua con quest’ultimi sempre avanti fino a 4 minuti dal termine per poi esser sconfitti dai gaetani proprio allo scadere.
Partenza sprint dei campani che piazzano subito un rapido 3-0 ai danni dei cussini però Mitrano da la scossa e registra il 3-1 che carica finalmente i gaetani e da qui la gara si gioca punto a punto tanto che la prima frazione di gioco si chiude con i gaetani sul -1 grazie agli interventi di D’Ovidio tra i pali e le reti di capitan Capomaccio e Mitrano,sapientemente coadiuvati dalla regia del centrale spagnolo Ander Uranga.
Al termine dei primi 30 minuti di gioco il tabellone luminoso parla in favore degli ospiti campani e segnala il 14-13 per De Siero e compagni ed un bel recupero dei gaetani che dal -3 accorciano fino al -1.
Nella ripresa,però il copione è sempre lo stesso e gli uomini di Viola non riescono mai a pareggiare i conti, il Capua è sempre in avanti ed i ragazzi di coach Di Lella ritrovano il +3 quando mancano 8 minuti dal termine e sul +2 a 5′ dalla sirena.
È qui che i gaetani salgono in cattedra, D’Ovidio si erge a saracinesca aiutato dalla difesa compatta di La Monica,Valente e Mitrano, Pantanella sigla reti in rapida controfuga e di pregevole fattura e gli uomini di Antonio Viola spinti da un pubblico galvanizzato dalla grinta dei loro beniamini di casa si fomentano.
Manca pochissimo e Pantanella sigla finalmente il tanto sperato e meritato pareggio,D’Ovidio si supera nuovamente e Mitrano compie il resto siglando il 28-27; passano i minuti,la tensione sale e ci pensa D’Ovidio che in serata di grazia compie un intervento prodigioso a tu per tu con De Siero scatenando tutta la rabbia e la fame di vittoriaa 5 secondi dal suono della sirena.
5,4,3,2,1 driiiin. È finita, signori e signore il Cus Cassino Gaeta Handball ’84 ha compiuto il miracolo,arriva la prima vittoria casalinga stagionale ed assoluta in serie A2.
Il pubblico assale D’Ovidio e parte la festa,le lacrime di Mitrano ed Uranga,le urla incomprensibili di D’Ovidio che deve tenere a bada a 30 persone attorno,Viola soddisfatto che cammina spavaldamente e fiero verso i suoi ragazzi,il dirigente Annalisa Gaudino che corre verso il resto del gruppo, il pubblico incredulo che ha assistito ad un evento sportivo che rimarrà sempre impresso nei loro occhi e nelle loro menti. Questo è il Cus Cassino Gaeta Handball ’84,una squadra con attributi quadrati,passione e che sacrifica lavoro e famiglie per uno sport che non è una semplice passione ma un amore incondizionato che supera problemi,ostacoli,bastoni tra le ruote,invidie e molto altro.
A fine partita parla Raimondo Valente:”È stata una vittoria di cuore e di squadra. Tutti, dal primo all’ultimo della squadra, da chi stava in campo a chi stava in panchina a chi stava in tribuna a sostenere, hanno dato un grande contributo a questa vittoria. Senza alcun egoismo e con tanto spirito di squadra”. Lo segue Luigi La Monica:”La dimostrazione della vittoria di squadra e di cuore è stata l’invasione di campo a fine partita di tutti i ragazzi, sia i convocati che coloro che erano in tribuna! La nostra forza è sempre stata questa e lo sarà sempre!”. Ed infine Mauro “la chiocchia” Giannattasio:”ieri ho visto il vero attaccamento alla maglia da parte di chi a saputo farsi da parte, da chi doveva esserci e non ci è stato, da chi non doveva esserci ed invece c’era, chi ha fatto di tutto per esserci, chi in panchina ma non ha fatto neanche un minuto, chi in campo a buttare il sangue, chi c’è stato tutta la settimana, chi ha messo da parte tutto e tutti per prendere i 3 punti, chi ci ha sostenuto dalla tribuna fino a sotto la doccia, chi ha saputo resettare il cervello a partita in corso. Ho visto coraggio, tenacia, costanza, pazzia, paura, timore, fratellanza, cazzimma, giustezza, orgoglio collettivo.È stata un’emozione unica vincere e credo che stiamo facendo davvero una bella esperienza, ma si può definire tale solo perché il gruppo è fantastico, altrimenti lo si doveva chiamare semplicemente “un campionato di pallamano”. Ci siamo regalati un grande Natale. A presto boys.”
Ora le meritatissime festività natalizie per i ragazzi di coach Viola,i quali si ritroveranno nel consueto appuntamento del 26 Dicembre per onorare al meglio la memoria dell’Indimenticato ed indimenticabile Gianni Buonomo; per poi tornare in campo il 26 Gennaio per affrontare la Lazio in campo esterno.

BPC Cus Cassino Gaeta ’84 – Pallamano Capua 28-27 (p.t. 13-14)
Cus Cassino Gaeta: D’Ovidio,Ciano,Macone,Di Schino 1,Mitrano 7,Uranga 2,Valente,Capomaccio 6,La Monica 2,Giannattasio 1,Uttaro,Pantanella 6,Monti Antonio 3,Perrotta. All: Viola Antonio. Dirigente: Di Liegro Luigi. Addetto arbitr i: Gaudino Annalisa. Medico: Magliozzi Francesco.
Pall.Capua: Nocerino,Di Lella 4,Errico F. 8,Affinito 6,Izzo1,Lagnese 1,Iorio ,Errico A. 1, De Siero 5,Affinito M. 1,Di Lillo,De Blasio S., De Blasio M.,Vastano. All: Di Lella R. Dirigente: Izzo C.
Arbitri: Rinaldi – Passeri.
Con questa vittoria,la seconda stagionale,i gaetani salgono a quota 7 punti in classifica ed al quarto posto di classifica con il gradino più basso del podio ad una sola lunghezza,attualmente occupato dalla Lazio,prossima avversaria dei cussini.

Ufficio Stampa Cus Cassino Gaeta Handball ’84{CAPTION}

Commenta per primo