Parcheggi abusivi, Stefanelli: “L’amministrazione deve intervenire con uno studio per nuove aree di sosta regolarizzate”

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Parcheggi e parcheggiatori abusivi: un’abitudine ancora di moda nel Comune di Minturno, visto che il fenomeno si svolge quotidianamente sotto gli occhi di tutti, cittadini, autorità locali e forze di polizia. Lo denuncia il capogruppo di Minturno Cambia, Gerardo Stefanelli, che punta il dito su questo triste fenomeno che si sviluppo maggiormente nel tratto compreso tra Monte d’Argento e il Palazzetto dello Sport, approfittando anche del fatto che in quella zona c’è un minor numero di posti auto disponibili. 
“Sarebbe l’ora – dichiara il consigliere della minoranza – che l’amministrazione effettuasse uno studio per individuare delle nuove aree di sosta da realizzare in quel tratto del paese, magari incentivando i privati titolari di terreni o altri spazi idonei a realizzare dei parcheggi privati regolarmente istituiti. La realtà è che, come al solito, è più semplice e meno faticoso ‘assecondare’ le soluzioni spontanee piuttosto che studiare e provare ad applicare soluzioni ‘legali’ e organizzate.
Purtroppo c’è anche da dire che non esiste un vero e proprio piano della mobilità comunale, così come non esistono aree pedonali in cui potersi muovere liberamente a piedi o con biciclette, pattini e passeggini. In un paese che vive di turismo familiare non ci si rende conto che questa è una mancanza importante e che priva cittadini e turisti di un piacevole svago e di momenti di vero relax, che al tempo stesso potrebbe essere anche uno strumento per attrarre visitatori dagli altri Comuni del comprensorio”.
Altra questione è quella delle strisce blu, che sono distribuite in maniera illogica e illegittima sul litorale. “In tutta Scauri – dichiara Stefanelli – non c’è un solo posto macchina gratuito mentre poi scopriamo che senza alcuna logicità apparente esiste un’intera zona come Via Filippo Signore, in cui turisti e cittadini possono parcheggiare gratuitamente in quanto lì funziona la regola contraria: nessuna striscia blu. Considerato che nella primavera 2014 dovrà essere espletata la nuova gara per l’affidamento del servizio di sosta, in quanto scade il contratto con la Soes – conclude Gerardo Stefanelli – ritengo che appena passata la stagione estiva occorra fare serie riflessioni sul tema della mobilità in generale e avviare un sano e costruttivo confronto prima di approvare le nuove linee guida che dovranno ispirare la gara di appalto per la gestione dei parcheggi pubblici, valutando anche l’opportunità di continuare con l’affidamento a privati”.

Commenta per primo

Lascia un commento