PROMOZIONE: Terracina cede al Monte San Biagio, il maltempo ferma la gara ai “Cerri”

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

SPORT: Continua il cammino difficile per la Mistral Città di Gaeta che ancora non si è abituata al nuovo campionato, dopo la rocambolesca sconfitta di domenica scorsa (3 settembre n.d.r.) al Riciniello contro il Tecchiena, ancora una ciociara a portar via i tre punti alla squadra di Mister Parisi; il Sora, si impone sul proprio campo per 1 – 0, con la rete di Cirelli, sui biancorossi che devono ancora una volta rinviare l’appuntamento con la vittoria.

Se la Mistral non ride, il Gaeta Calcio ride a metà, costretto al pari dal Real Cassino Colosseo, che al Riciniello recupera il gol di svantaggio e porta via un punto prezioso, alla rete di Cano risponde Conti.

Sconfitta per il Terracina che deve lasciare il passo alla neo promossa Monte San Biagio, che da matrricola terribile ha già fatto vittime illustri, dopo l’Arpino, anche il Terracina di Mister Milo deve inchinarsi ai monticellani che con il minimo sforzo portano a casa tre punti che lanciano il Monte San Biagio in vetta al Girone D, di De Simone la rete che decide la gara.

Sospesa sullo 0 – 0 al 15′ del primo tempo la gara tra Suio Terme Castelforte ed Itri Calcio, la gara che metteva Mister Palladino dinanzi al suo recente passato è stata fermata dal direttore di gara a causa del maltempo che imperversava sullo stadio dei Cerri, il match è stato rinviato a data da destinarsi.

Primi punti casalinghi anche per Pro Calcio Lenola, che impatta 2 – 2 contro lo Sporting Calcio Vodice e per il Pontinia, 1 – 1 all’Alatri.

La prossima giornata sarà già tempo di big match, al Comunale di Itri andrà in scena la gara tra Itri e Gaeta, le due squadre retrocesse lo scorso anno dall’Eccellenza e vogliose di ritornare al più presto nella massima serie regionale; la Mistral alla caccia dei primi punti ospiterà il Pontinia, il Terracina aspetterà il Priverno; trasferte per il Suio Terme Cstelforte e la Pro Calcio Lenola, rispettivamente sui campi di Arpino ed Alatri.

di Enrico Duratorre