I ragazzi della Carducci hanno incontrato gli esponenti della Comunità Ebraica di Roma.

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

CULTURA: Un viaggio nel passato, questo è stato per i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Carducci l’incontro con alcuni esponenti della Comunità Ebraica di Roma, un viaggio in un passato tanto lontano, ma che a causa dei venti nazionalisti che soffiano sulle nazioni europee, appare così attuale e riporta alla mente di chi le ha vissute sulla propria pelle, le tragedie del secolo scorso.

I membri della Comunità Ebraica, con la delicatezza dei nonni che si rivolgono ai propri nipoti, hanno raccontato le loro storie, storie fatte di gesti di normalità e disperazione, di silensioso eroismo, di collaborazione tra persone che vivevano la tragedia delle leggi raziali e dei rastrellamenti da parte delle truppe tedesche durante il secondo conflitto mondiale.

Nelle loro parole, la consapevolezza di avercela fatta, ma anche la commozione per chi invece non è riuscito a sfuggire a quella immane tragedia, nei loro occhi le immagini di quelle esperienze vissute da bambini, esperienze che hanno segnato le loro vite, nei loro gesti lenti e pacati la fermezza di chi vuole assolutamente che le nuove generazioni non rivivano quei momenti di terrore e disperazione.

Un silenzio surreale nell’aula magna della scuola Carducci, con i ragazzi affascinati ed incuriositi da storie raccontate direttamente da chi le ha vissute, storie che fin’ora avevano potuto vedere raccontate soltanto nei film; un’attenzione da parte della giovanissima platea che ha suscitato l’ammirazione degli illutri relatori, i quali a fine incontro si sono complimentati con i ragazzi che non solo hanno ascoltato le parole di chi raccontava la propria storia, ma hanno anche interagito partecipando con alcune domande.

Un’esperienza che i ragazzi porteranno nel loro cuore, un momento di crescita che la scuola ha offerto ai propri alunni che, come hanno spiegato i relatori, sono il futuro della nostra nazione e devono conoscere il passato per costurire un futuro migliore.

di Enrico Duratorre