SANITA’ LAZIO, IN COMMISSIONE LE PROBLEMATICHE DI RSA E DISLESSICI

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

La commissione Politiche sociali e Salute del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), ha tenuto due audizioni.

 

Sono stati ascoltati i lavoratori della casa di cura “Ancelle Francescane del Buon Pastore” di Roma, che hanno denunciato la riduzione del personale sanitario e il conseguente stravolgimento, da parte della proprietà e della nuova direzione, dei turni di assistenza ai pazienti. La peculiarità architettonica della casa di cura – articolata in più palazzine strutturate su diversi piani – rende, a giudizio dei lavoratori, “di fatto inapplicabili” le recenti disposizioni sul rapporto numerico medico/paziente e infermiere/paziente, anche in virtù delle fragilità specifiche dei ricoverati in lungodegenza. È stato segnalato anche il discontinuo ricorso a cooperative o a liberi professionisti, a fronte di una pianta organica giudicata “inadeguata”. Un ulteriore segnale di malessere è il mancato godimento delle ferie da parte di una fetta consistente del personale sanitario soggetto a turnazione.
I lavoratori hanno chiesto alla Commissione di avviare un’analisi sulle condizioni dei pazienti assistiti e sulle prospettive contrattuali dei dipendenti.

 

Il presidente Lena ha annunciato un’azione di approfondimento e verifica presso la direzione regionale competente in materia, sulla base delle problematiche esposte e in linea con il rinnovato percorso di accreditamento avviato dalla Regione Lazio e tuttora in corso.

 

A seguire, sono stati ricevuti i rappresentanti regionali dell’Associazione italiana dislessia. È stato affrontato il tema dei disturbi specifici dell’apprendimento e del rispetto delle pari opportunità e possibilità nel processo formativo. Secondo l’Associazione, esiste attualmente nel Lazio un mancato riconoscimento tempestivo dei disturbi, a causa di un’assenza di screening professionali svolti nei primi anni di scolarità, con il risultato di abbandoni precoci degli studi e mancata integrazione da parte degli studenti che presentano questo tipo di disturbo. I tempi della diagnostica, inoltre, appaiono attualmente troppo lunghi. Il percorso riabilitativo, poi, è stato recentemente reso accidentato dai tagli ai budget del Servizio sanitario. 

 

È stato pertanto richiesto alla Commissione un intervento legislativo – sul modello di altre regioni e in recepimento della legge nazionale (la 170 del 2010) – atto a tutelare la popolazione scolastica affetta da disturbi dell’apprendimento, stimata in circa 20mila studenti nel solo Lazio.

 

La Commissione ha assicurato un rapido esame del quadro normativo attuale al fine di condividere un testo da adottare a livello regionale in materia.

 

Presenti alle audizioni i consiglieri: Riccardo Agostini (Pd), Marta Bonafoni (Per il Lazio), Devid Porello (M5S), Fabrizio Santori (La Destra), Olimpia Tarzia (Lista Storace).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.