Santi Cosma e Damiano: finanziamento progetto “Pellegrini della Memoria”

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Ss Cosma e DamianoApprovato il progetto “Pellegrini della Memoria”. A dare la notizia il Vice Sindaco e Assessore alla Cultura di Santi Cosma e Damiano, Vincenzo Petruccelli, che ha curato il progetto quale Comune capofila unitamente al delegato alla Cultura del Comune di Castelforte, Angelo Felice Pompeo che insieme hanno seguito la stesura del progetto stesso realizzato con l’ausilio della struttura dell’Associazione Se.ra.l,  di cui di due comuni aurunci fanno parte ormai da anni.

Il progetto si è classificato al 5° posto nella graduatoria del Bando della Regione Lazio che era stato emanato lo scorso mese di aprile per ricordare il 70° anniversario della Liberazione, a testimonianza della qualità del progetto stesso e della professionalità che da sempre viene messa da questa struttura che collabora con i Comuni che in provincia di Latina hanno aderito a questa Associazione e che allo stato attuale sono circa 17. Nello specifico il progetto si propone di continuare l’opera intrapresa, con l’ausilio della Provincia di Latina, nel “segnare” i luoghi della Memoria con opere che testimonino i sacrifici a cui sono state sottoposte le popolazioni dei due Comuni durante l’ultima guerra mondiale. La partecipazione della popolazione, soprattutto più giovane, nella progettazione delle immagini simboliche da rappresentare con le opere d’arte che serviranno per “segnare” i luoghi della Memoria, costituisce la leva strumentale per riscoprire quella parte della storia dei paesi colpiti dalla guerra che, per paura e pudore, è stata sottaciuta ai più giovani ed è rimasta sepolta nei ricordi dei pochi anziani, testimoni delle nefandezze compiute in quel periodo che va dall’autunno del ’43 al maggio del ’44, ed oggi fortunatamente ancora viventi.Destinatari dello stesso sarannol’intera comunità dei due Comuni, considerando sia quella residente che quella costretta all’emigrazione a seguito delle distruzioni della guerra, ma anche e soprattutto la comunità studentesca. Alle due Comunità si aggiungono tutte le altre attraversate dalla guerra che si è combattuta sulla Linea Gustav e anche le comunità a cui appartenevano i giovani soldati di entrambi gli schieramenti che si sono confrontati in quel periodo sulla “linea”. Obiettivo del progetto è riportare alla memoria pubblica, in particolare dei giovani, le vicissitudini della Guerra, il senso della storia, il motivo stesso della configurazione che oggi assumono i due paesi dopo la ricostruzione post bellica. Quello che si conta di rappresentare con le opere che verranno realizzate e poste nei luoghi della Memoria è lo sbigottimento delle popolazioni di fronte ad una guerra condotta da altri inaspettatamente e di cui hanno solo subito le conseguenze. Gli interventi da realizzare saranno localizzati in linea con le opere della memoria già presenti nei due Comuni e vanno a continuare “un racconto” simbolico già avviato da alcuni anni. Infatti vi sono opere in pietra e in bronzo. L’intervento si sviluppa sul territorio di entrambi i Comuni e parte nelle Scuole e si conclude nelle Scuole del territorio e dura per tutto l’anno scolastico 2014-2015.  A settembre un ciclo di incontri/studio attraverserà la Scuola, dalle elementari alla Scuola superiore con la cadenza di un incontro ogni quindici giorni. Vi saranno coinvolti testimoni oculari di quell’epoca e i docenti di storia contemporanea dell’Università di Cassino (prof.ssa Casmirri). Parallelamente a tali momenti di riflessione sarà pure sviluppato dai docenti di lettere delle scuole medie e superiori un programma per la progettazione della grafica e dei monili che caratterizzeranno le opere  d’arte. Quest’ultime, una volta realizzate, saranno poste nei luoghi della Memoria identificati invece mediante un processo di consultazione popolare, anch’essa strumentale ai fini del recupero della memoria collettiva della storia. Il risultato che si conta di ottenere è quello di segnare ulteriormente un percorso (il percorso del pellegrino della memoria) che stia a ricordo della guerra e a monito della pace, nonché di recuperare un patrimonio culturale che per le giovani generazioni costituisce “un buco nero” e che invece potrebbe essere una cerniera importante di legame tra generazioni diverse. Infine si tenta di perseguire un obiettivo sul piano turistico (turismo storico, turismo culturale) e della conseguente occupabilità dei cittadini del territorio che si attiveranno per accogliere “i pellegrini” che saranno attratti sul territorio dagli strumenti di comunicazione a disposizione della rete dei Comuni. I singoli Comuni attiveranno il medesimo processo di coinvolgimento della propriacomunità e sceglieranno l’opera da realizzare e il luogo dove collocarla. I due Comuni assieme, concorderanno invece  l’uso della medesima metodologia di coinvolgimento e la struttura tecnica che dovrà assumere l’opera d’arte che verrà costruita. Al progetto hanno fornito la loro partnership, condividendone le finalità e gli obiettivi: Istituto Comprensivo “ Guido Rossi” di Santi Cosma e Damiano; Istituto Omnicomprensivo di Castelforte; la Biblioteca Comunale di Santi Cosma e Damiano; Associazione Turistica PRO LOCO Santi Cosma e Damiano; Associazione Turistica Pro-Loco Castelforte – Suio Terme; Associazione Culturale Musicale SS.Cosma e Damiano; Associazione Musicale Castelforte; Associazione Nuovi Orizzonti 10; Associazione Culturale Plotino – Castelforte e l’Associazione di Promozione Sociale “Accompagna”. Grande la soddisfazione espressa dai due Sindaci, Vincenzo Di Siena e Patrizia Gaetano per il finanziamento di questo progetto di grande valenza storica e culturale, mentre di due delegati alla Cultura, Angelo Felice Pompeo e Vincenzo Petruccelli hanno dichiarato congiuntamente: Ringraziamo la Regione Lazio per aver valutato questo progetto tra i migliori presentati e per la sensibilità dimostrata dai suoi amministratori nel riservare, pur in periodo di forte contingenza negativa come quello attuale, delle risorse per questo tema di grande importanza nella storia delle nostre comunità, e ringraziamo anche la struttura di Impresa Insieme, supporto dell’Associazione Se.ra.l, collaudata rete di comuni che da anni ottiene importanti risultati, per la qualità e la professionalità  nella stipula del progetto stesso. Questo finanziamento è la dimostrazione che lavorando insieme per obiettivi comuni si possono ottenere grossi ed importanti risultati. Ora, hanno concluso, gli esponenti titolari della cultura dei due comuni, non resta che passare alla fase attuativa per la realizzazione degli obiettivi prefissati nel progetto stesso”. La realizzazione di questo progetto avverrà anche attraverso l’ausilio e la collaborazione di tutti gli enti e le associazioni che hanno fornito la propria partnership per la sua attuazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.