Scauri – Il 31 agosto l’“Arena Mallozzi Day”

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

L’avvocato Roberto Lepone, Assessore al Commercio e all’Ambiente, comunica che sabato 31 agosto, alle 20, presso l’Arena Mallozzi di Scauri, si svolgerà l’ “Arena Mallozzi Day”, con la disputa della partita-maratona over 35 tra ex giocatori-giocatrici della Libertas, dello Sporting Club, della Cestistica e del Basket Scauri.

«Negli ultimi 60 anni – ricorda l’Assessore Lepone, ex cestista del club scaurese – migliaia di persone hanno militato nelle varie formazioni biancazzurre: sarà impossibile vederle tutte all’opera sul rettangolo di gioco, anche perché diverse, purtroppo, mancheranno all’appello, ma saranno idealmente con noi all’Arena, a disputare questa simpatica gara senza pretese. L’ingresso sarà libero. Per informazioni si potrà inviare un’e-mail a relazioniesterne@comune.minturno.lt.it o telefonare, negli orari di apertura del Municipio, al numero 0771.6608256». La manifestazione “Arena Mallozzi Day”, promossa dal Comune di Minturno, gode del patrocinio del Comitato Provinciale di Latina della Federazione Italiana Pallacanestro. Saranno presenti, tra gli altri, il Consigliere Comunale-Delegato allo Sport Domenico Riccardelli, l’Incaricato ai Grandi Eventi Angelo Graziano ed il Presidente del Comitato pontino della Fip, dottor Gianni Colavolpe.

L’impianto sportivo, riaperto nell’agosto 2009 dopo un restauro commissionato dal Comune di Minturno, sorse nel 1952-53, grazie ad un finanziamento del Ministero dell’Interno. Indicato all’origine come “Il Pinguino”, venne intitolato, nel 1969, al giocatore scaurese Filippo Mallozzi, scomparso durante un match. L’immobile ospitò manifestazioni, gare di ballo e, per circa 40 anni, le attività dei vari club cestistici locali, comprese le mitiche partite del Basket Scauri (impegnato nel 1978-84 in serie B). Dal 1967 al 1974 nell’Arena sportiva si svolse il famoso Torneo internazionale estivo di pallacanestro. Alcune edizioni della competizione furono trasmesse dalla Rai e commentate dal maestro di giornalismo Aldo Giordani.

Commenta per primo