SEL Minturno – Terza festa di SEL, la soddisfazione degli organizzatori

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

selIl Circolo “Antonio Gramsci” di Minturno-Scauri esprime soddisfazione per l’esito della terza Festa di Sinistra Ecologia e Libertà che si è tenuta dal 5 al 7 settembre in Piazza Rotelli a Scauri.

Un appuntamento che sta diventando tradizionale e che anche quest’anno è riuscito ad offrire qualità con lo spettacolo teatrale per i più piccoli offerto dall’Associazione Culturale Gennaro Sparagna e la compagnia Fabolatour , con la novità del contest fotografico intitolato “Gente del Genere” che ha visto vincitrice la signora Laura Frezza, al secondo posto la coppia Valeria Frezza e Gianfranco Fico e al terzo posto Serena Evangelista. Nonostante il clima non fosse dei migliori, il Maestro Alessandro Parente  ha diretto con stile il concerto dell’Orchestra Il Giardino della Pietra Fiorita. Grande entusiasmo e partecipazione hanno suscitato i Baro Drom Orkestar con le loro musiche mediterraneo-balcaniche, e  i ragazzi del neonato gruppo A Night With Dave Gilmour, che hanno omaggiato il chitarrista dei Pink Floyd.

Il dibattito “La sinistra possibile e l’alternativa per l’Italia”, con la partecipazione di Raffaella Bolini (dirigente nazionale ARCI e Lista L’altra Europa con Tsipras), di Vincenzo Vita (Asssemblea Nazionale PD – referente dell’Area Civati) e Massimiliano Smeriglio (Dirigente nazionale SEL e Vicepresidente della Regione Lazio) ha proiettato la nostra città al centro della discussione nazionale e ci ha permesso di lanciare anche da qui la manifestazione del 4 ottobre a Roma per il lavoro e contro la crisi che vedrà la partecipazione di Vendola, Civati, Landini e Maltese.

Il dibattito del 7 settembre, “L’alternativa possibile per Minturno”, oltre ai partiti e le forze politiche, (PD, Movimento 5 Stelle, Azione Civile), ha visto la partecipazione di una costellazione di movimenti e di associazioni ( NO ANT, COSMOS, Il Levante di Monte d’Argento, Fuori la voce, Premio DRAGUT ) e si è trasformato in una denuncia dello stato di degrado del nostro territorio ed in un atto di accusa verso la colpevole incapacità ed inerzia dell’attuale amministrazione.

Quelle associazioni rappresentano i diritti negati dei cittadini, a volte urgenze che chiedono invano risposte; riteniamo che da qui, da una grande aggregazione civica, debba nascere una svolta, una forte proposta di reale cambiamento al servizio della quale mettiamo il nostro partito ed il nostro simbolo e chiediamo al PD, al Movimento 5 Stelle e a tutte le forze di opposizione di fare altrettanto per costruire le condizioni di non vergognarsi di essere minturnesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.