Stefanelli: “La verità sulla Scuola di Via Italo Balbo”

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

In risposta alle affermazioni dell’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Minturno, Vincenzo Fedele, in merito alla situazione del plesso scolastico di Via Italo Balbo, il capogruppo di Minturno Cambia, Gerardo Stefanelli, dichiara quanto segue:

Mi vedo costretto, mio malgrado, ad intervenire ancora una volta sulla vicenda dell’edificio scolastico di via Balbo, in quanto chiamato in causa dall’Assessore alla Pubblica istruzione del Comune di Minturno, il quale dichiara che  “La polemica alimentata sul Bando per operatori di vigilanza si aggiunge a quella innescata, nei mesi scorsi, sulla questione dell’agibilità della Scuola “Ragazzi del Mondo” di Scauri, che poi si è rivelata un vero e proprio boomerang, con costi e disagi a carico della collettività”.

Certamente la vicenda della scuola di via Balbo ha arrecato disagi alla collettività, e direi direttamente anche al sottoscritto, il quale si è ritrovato con tre figli dislocati in tre edifici scolastici diversi; la disonestà intellettuale dell’assessore  viene fuori invece nel  qualificare la nostra richiesta di certezze  come una mera polemica strumentale.

L’assessore non si accorge di aver deliberato in Giunta la realizzazione di lavori urgenti di straordinaria manutenzione e ripristino dell’impianto anti-incendio per un importo generale di 70mila euro; non si capisce perché sono stati deliberati questi lavori di straordinaria manutenzione, se le richieste di documentazione fatte dal sottoscritto, inerenti il grado di sicurezza dell’edificio,  e precedute da analoghe e ripetute (per ben 5 mesi) richieste del consiglio di istituto e della dirigente scolastica, erano solo polemiche?

E quando si parla di ripristinare un impianto anti-incendio, si allude forse a qualcosa che non era funzionante e che per legge doveva esserlo? Oppure anche in questo caso state accontentando un capriccio del consigliere Stefanelli?

Vorrei ricordare all’assessore Fedele che in data 21 giugno 2013 si  verificò il crollo di una parte del soffitto della scuola di via Cistrelli in Scauri e l’Assessore Saltarelli in quell’occasione dichiarò che “Abbiamo comunque previsto nel piano delle opere triennali proprio per quest’anno un’indagine ricognitiva su tutti gli edifici scolastici e la relativa messa in sicurezza. In particolare, sarà data attenzione particolare alle scuole di Via Italo Balbo e della scuola media di Scauri, che sono strutture più vecchie”.

E ancora vorrei ricordare allo stesso assessore che la dirigente dell’I.C. Scauri chiedeva al Comune, in data 3 e 26 ottobre 2013 e ancora in data 9 novembre 2013, di avere l’idonea documentazione inerente la sicurezza dei plessi scolastici ai sensi del D.Lgs 81/08, richieste per altro già inviate dalla precedente Dirigente nei mesi antecedenti. Richieste rimaste senza risposta!!!

E ancora che nel corso delle riunioni del Consiglio di Istituto del 4 e 19 novembre 2013 l’assessore ai lavori pubblici dichiarava, in qualità di esperto del settore, che il Plesso di via Balbo era il più vulnerabile. Ma ancora prima nel programma elettorale della colazione che sosteneva Graziano, di cui Fedele è stato uno dei più votati, c’era scritto espressamente che “Un problema non più procrastinabile, e che va affrontato per la sua risoluzione, riguarda la scuola di via Balb”.

Solo in ultimo il 28 novembre 2013 il sottoscritto nel corso del Consiglio comunale in cui si approvò il piano delle opere pubbliche fece rimostranze sulla scuola di via Balbo, sollecitando l’Amministrazione a dare risposte alla Dirigente ed al Consiglio di Istituto, che piaccia o non piaccia, sono gli organi istituzionalmente deputati a rappresentare la comunità scolastica in tutte le sue componenti.

Eppure alla fine la chiusura di via Blabo viene addebitata al sottoscritto, senza alcun cenno alle richieste fatte dal Consiglio di Istituto, dalla dirigente e sostanzialmente avallate dalle dichiarazioni del vostro Assessore ai lavori pubblici.

La verità, caro Assessore, è che da tempo cerchi di contrastare l’operato della minoranza mistificando la realtà  per venire  sistematicamente smentito dagli atti, quegli stessi atti che portano la vostra firma e la vostra approvazione, e che voi avete il coraggio pure di negare.

Ti posso assicurare che questa tecnica di sviare il merito delle questioni, accusando l’opposizione di fare solo demagogia, non vi salverà dal giudizio degli elettori che questa volta si esprimeranno consci di quello che avete realizzato sino ad oggi: buio e silenzio.

In ultimo, per quanto riguarda la scuola di via Balbo, ci auguriamo che i lavori NECESSARI ED INDISPENSABILI per riaprire l’edificio siano realizzati a breve, e sia quanto prima data la comunicazione ufficiale alla Comunità Scolastica e agli Organi che legittimamente la rappresentano, i quali hanno l’onore e l’onere di dover programmare le attività e di dare risposte agli utenti e alle famiglie.

Quelle stesse risposte che un’Amministrazione non ha saputo dare nel corso di 6 mesi in relazione a degli edifici di sua proprietà; e come disse qualcuno “ho detto tutto”.