Terracina: Crazy Grabs Campioni d’Italia di beach rugby. Alle Sabbie Mobili il tricolore femminile

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

SPORT: Una giornata tra sabbia, sudore e tanto agonismo, questo il Master Finale del Campionato Italiano di Beach Rugby andato in scena all’Arena Carlo Guarnieri di Terracina, sulla spiaggia di Levante.

Un’edizione che passerà alla storia per diversi fattori, primo fra tutti l’entrata in finale di una squadra, i Belli Dentro, che per la prima volta accedono alla finalissima, dopo aver sconfitto in semifinale la favoritissima Padova Beach Rugby, che per due volte ha visto lo scudetto cucito sulle proprie maglie.

I ragazzi romani in finale hanno dovuto arrendersi ai Crazy Grabs, squadra abituata a giocare le finali, ma che fino all’edizione 2017 non era mai riuscita ad aggiudicarsi una finalissima.

In campo nella finalissima, ben quattro Campioni d’Europa, giocatori, due per parte, che solo una settimana fa avevano alzato a Mosca il trofeo continentale, con la maglia della Nazionale Italiana; trofeo che ha fatto bella mostra di se, proprio sul palco delle premizazioni.

Grande soddisfazione per l’esito della manifestazione è stata espressa da parte di Giancarlo Golfieri, Presidente del Terracina Rugby, e da parte del terracinese Simone Olleia, Delegato della Lega Italiana Beach Rugby, visibilmente emozionato, e soddisfatto per essere riuscito a portare a Terracina, per il secondo anno di seguito una manifestazione che ha visto, sulla sabbia della Beach Arena, sfidarsi oltre cento atleti, tra le squadre maschili e femminili.

Molto soddisfatto anche il Sindaco di Terracina Nicola Procaccini, che ha ringraziato la Lega Italiana Beach Rugby per aver scelto nuovamente Terracina per questo grande evento di caratura nazionale, che ha portato la città pontina al centro delle cronache sportive nazionali, come capitale italiana del Beach Rugby per il secondo anno di seguito.

Il Master Finale ha assegnato anche lo scudetto femminile che è andato alle Sabbie Mobili, le gialloblu hanno sconfitto in finale le Spavalde, poi tutti in spiaggia per un “Terzo Tempo” all’ombra del Tempio di Giove, per festeggiare la chiusura del campionato.

Il Beach rugby archivia il campionato 2017 e da appuntamento al 2018, sicuramente con una tappa nazionale a Terracina, che non sarà sede del Master Finale, come ha spiegato Simone Olleia, vista la volontà della Lega Italiana di Beach Rugby di coinvolgere sempre più città al fine di far crescere il movimento italiano del rugby sulla sabbia.

di Enrico Duratorre