Terza serata di “Folk a Metà” una viaggio tra emozioni e riflessioni

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

CULTURA: Archiviato anche il terzo e penultimo appuntamento con “Folk a Metà” quello che ha visto salire sul palco dell’Open Art Caffè di Terracina i “Bandacia3”, la formazione guidata da Salvatore Vallario, che negli anni ha subito diverse modifiche, mantenendo, tuttavia, fermo il proprio stile e la propria musica.

Una serata che ha proposto un incontro tra la musica popolare e quella elettronica, emozionando e facendo riflettere il pubblico presente, su quelli che sono i temi della più stretta attualità.

Isole di plastica che galleggiano negli oceani, diossina che avvelena le nostre vite e lavoro che manca, questi i temi che hanno ispirato i pezzi musicali portati in scena dai “Bandacia3” che da sempre, attraverso la loro musica, cercano di mantenere un faro acceso sulla catastrofe naturale che lentamente sta divorando il nostro pianeta; ma Salvatore Vallario, Maria Pina Piras e Fabio Crivellaro hanno voluto lasciare un messaggio positivo, chiudendo il concerto con il brano “Una bella giornata” perchè la musica non deve solo lanciare messaggi di denucia, ma diventare anche strumento per lanciare un messaggio positivo.

Archiviata, dunque, la terza serata, si aspetta la serata conclusiva con “I Circolabili” che, venerdì 16 marzo, chiuderanno questa quinta edizione di “Folk a Metà”, la kermesse musicale che nelle sue cinque edizioni ha toccato diversi centri della provincia di Latina, facendo conoscere stili musicali tanto diversi, ma legati dal filo rosso della cultura musicale, una cultura musicale a tutto tondo, che ha sdoganato anche quegli stili musicali troppo spesso chiusi all’interno di una nicchia ristretta.

di Enrico Duratorre