UDC Formia, Dario Colella: Sezioni Primavera regolarmente riconfermate, il Sindaco che fa?

Le 3C Minturno”Gli specialisti della cover”

Per lasciare senza lavoro 12 famiglie e a casa oltre 80 bambini delle Sezioni Primavera il Sindaco aveva farneticato di strumentalizzazioni da parte dell’Udc, di distorsioni della verità e non abbiamo capito di cos’altro…

La semplice verità è che il Dirigente Scolastico del 1° Circolo Dott.ssa Annunziata Marciano, dopo l’approvazione dell’Accordo Quadro, del 01.08.2013 in Conferenza Unificata Stato – Regioni, per la “realizzazione sull’intero territorio nazionale dell’offerta di un servizio educativo per bambini di età compresa tra i 24 e i 36 mesi” corrispondenti alla Sezioni Primavera, ha scritto al Sindaco per poter continuare l’attività delle Sezioni Primavera. E spiegando che le sezioni Primavera nel 1° Circolo “sono sempre state regolarmente autorizzate e monitorate con riscontri positivi e senza alcuna negatività”, sono venute così a cadere tutte le patetiche prerogative che adduceva il Sindaco Bartolomeo. A questo punto vogliamo conoscere il vero motivo per cui il Sindaco vuole in colpo solo lasciare 12 famiglie senza stipendio e più di 80 bambini senza una regolare attività educativa scelta dai loro genitori.

Quanto alle “scuse” dell’Assessore Talamas – continua il Consigliere Collella – che adduceva che sono già presenti sul territorio nidi privati convenzionati, vorremmo ricordarle che le Sezioni Primavera accolgono bambini della fascia di età 2-3 anni e operano in continuità educativa con la scuola dell’infanzia: è questa la specificità che le caratterizza e che le distingue nettamente dal nido. Occorre infatti considerare che la scuola dell’infanzia può accogliere bambini “anticipatari” di 2 anni e mezzo che spesso le famiglie affidano alle Sezioni Primavera. Per questo le Sezioni Primavera operano in locali (regolarmente autorizzati) adiacenti alle aule delle scuole dell’infanzia. Vorremmo infatti che ogni genitore possa scegliere autonomamente il percorso educativo dei propri bambini.

Se poi è intenzione dell’amministrazione fare un bando pubblico per la gestione, noi siamo sempre d’accordo sulle gare ad evidenza pubblica che permettono al Comune di scegliere i migliori fornitori, consigliamo però di farle su tutti i servizi no solo su quelli che convengono ….

Commenta per primo