Formia: Il tema acqua dimenticato in questa campagna elettorale da tutti ma non da Paola Villa candidato Sindaco



Paola Villa sabato 18 settembre 2021, ha deciso di aprire la sua campagna elettorale non con un tema ma con “il Tema Acqua pubblica”. “Non iniziamo – sottolinea il candidato Paola Villa – la nostra campagna elettorale presentando i nostri 100 e passa candidati oppure con la classica frase, andrò a prendere soldi a Roma e li porterò a Formia…Ma noi siamo qui e prendiamo l’impegno nel continuare l’enorme battaglia del diritto all’acqua e del diritto all’acqua pubblica”. Nel programma elettorale un’intera sezione è dedicata al servizio idrico. Il primo punto è il riconoscimento, nello Statuto Comunale, del “Diritto umano all’acqua”, del carattere pubblico dell’acqua come bene comune alla base della civiltà di una città.  Paola Villa inizia , dunque, con  l’”Acqua” dimenticata, ignorata in questa campagna elettorale, forse perché scomodo parlarne, forse perché Acqualatina ormai da anni “decide” le sorti politiche della provincia, di tutte le città ed anche di Formia, forse perché il gestore privato non rende la vita facile a un Sindaco  che chiede rendiconti di gestione, documentazione di appalti dei lavori e resoconto degli investimenti di soldi pubblici mai usati per proteggere le nostre sorgenti, la nostra immensa ricchezza. Paola Villa ringrazia gli esponenti del MovimentoBlu nazionale, Maurizio Montalto presidente, Maurizio Morelli vice presidente, Davide Frattaroli responsabile dei rapporti con gli amministratori e Mario Antonellis responsabile tecnico perché hanno portato all’incontro la loro esperienza e perché in questi mesi hanno messo a disposizione tutta la loro professionalità.Proprio Montalto ricorda che il MovimentoBlu è una rete di cittadini e professionisti nel proprio DNA ha il diritto all’acqua pubblica. Un movimento che “non molla” e che sostiene solo chi, come Paola Villa, senza ombra di dubbio, ha nel proprio percorso questo impegno senza mai indietreggiare. Nelle parole di Maurizio Montalto e degli altri ospiti si evince competenza e conoscenza e di qui la necessità di difendere la risorsa acqua da una strategia geopolitica e di colonizzazione da parte della multinazionale francese Veolia che è di fatto un problema di “sicurezza Nazionale”. Prosegue Montalto dicendo: “A Formia vogliamo che torni l’acqua del Sindaco. La multinazionale Acqualatina controllata dalla francese Veolia aveva promesso a tutti la disponibilità d’acqua nella case, la ristrutturazione delle reti, la depurazione e il mare pulito. Nulla di questo è avvenuto, ma in 18 anni hanno incassato un enorme profitto.”Conclude Paola Villa  richiamando tutti al voto del 3 e 4 ottobre.   Non si molla – ribadisce- sulle cose giuste! Tre sono state perseguite nell’esperienza di governo cittadino bruscamente interrotta a dicembre 2020, e su di esse non si  indietreggerà: l’acqua pubblica, la sanita pubblica e il controllo di quella privata e la criminalità organizzata, restando al fianco dei cittadini coraggiosi che hanno avuto la forza di denunciare.Chiude Paola Villa ribadendo che non esiste il benessere del territorio senza la tutela delle fonti. “Non ci siamo fermati. Non ci siamo fatti intimorire. Non ci siamo adeguati e “svenduti”. Il nostro partito è e resta Formia e per questo chiede a tutte le persone “libere” di esprimere il proprio voto e di sceglierla con una unica promessa: “non indietreggiare mai”!”
Movimento 5 stelleMovimento Un’Altra CittàIo rEsisto